giovedì 7 marzo 2013

Zeitgeist è un rigurgito


In futuro forse non esisteranno più le enciclopedie scritte, per via che leggere diventerà sempre più faticoso; ci saranno sempre più video e immagini, e magari alla voce IRONIA di qualche videopedia del futuro ci troveremo la clip del cittadino Paolo B., quello che sosteneva che "con Internet le coscienze si stanno svegliando". L'ironia è che in teoria questo dovrebbe essere vero: su Internet ci sono già più informazioni che in una qualsiasi biblioteca media: chiunque grazie a internet può approfondire la propria conoscenza di qualsiasi ramo dello scibile umano. Lo dico per esperienza, visto che da un po' di tempo in qua mi sono dato all'agiografia e davvero, all'inizio ne sapevo veramente poco, ma con internet ho recuperato migliaia di nozioni in tempi brevissimi: niente di paragonabile ai ritmi medievali in cui imparavo cose all'università analogica 15 anni fa.

E quindi in teoria Paolo B. ha proprio ragione, su internet si possono davvero condividere idee e conoscenze; peccato che invece migliaia di persone come Paolo B. si limitino a trovare un video, Zeitgeist, che "gli ha fatto vedere il mondo in un modo radicalmente diverso", raccontando una serie di storie enormi (il controllo della popolazione mediante microchip probabilmente massonici, l'11/9 'automanovrato' dagli americani) e accettarlo senza un'ombra di pensiero critico.

E dire che sulla stessa Internet, con un po' di pratica, Paolo B. avrebbe potuto trovare fonti che smentivano e demolivano il video stesso (Attivissimo, per esempio). Perché invece si è fermato davanti a Zeitgeist, perché ha deciso che tutto quello che sapevano gli altri era falso e soltanto Zetigeist diceva la verità? Qui c'è un problema che va molto al di là del grillismo - perché lo scandalo di un ragazzo un po' disinformato in parlamento lascia il tempo che prova, probabilmente era disinformato anche il tizio che sedeva in quel seggio prima di lui. Però questo tipo di disinformazione non è l'ignoranza vecchio stile: è qualcosa di nuovo, qualcosa di attuale, col quale stiamo facendo i conti adesso: polemiche sulla sovranità monetaria, scienziati condannati per non aver allertato la popolazione su un terremoto non prevedibile, detrattori dell'evoluzionismo, negatori del riscaldamento globale, ecc.. La cultura scientifica è sotto attacco, e il luogo dell'attacco è proprio quello in cui in teoria dovrebbe essere diventata finalmente accessibile a tutti: Internet. L'hanno inventata gli scienziati, la stanno colonizzando gli spacciatori di bufale. Cosa sta succedendo? Io ho una teoria.

Si tratta di un rigurgito.


Internet fa paura

C'è un motivo molto semplice per cui un individuo qualsiasi - chiamiamolo "Paolo" - messo di fronte a tutto lo scibile umano, invece di cominciare a studiarlo pagina per pagina, andrà a cercarsi un video, e ovviamente il "video che gli cambierà il modo di pensare", che gli dirà la verità su tutto quanto e soprattutto che tutti gli altri mentono. Questo motivo molto semplice è quello che ci orienta nella maggior parte delle nostre scelte quotidiane: il risparmio di energia. Ne parlava già Freud, credo (non ho voglia di controllare): risparmiare energia, risparmiare fatica, è piacevole in sé, quindi ogni volta che il nostro cervello trova un sistema di risparmiare (consapevolmente o inconsapevolmente), lo fa. Di fronte a quell'immensa enciclopedia che è Internet, Paolo B. ha di fronte infinite opzioni. Può approfondire le sue conoscenze di economia: ma servirà tempo e aiuto, specie se non ha una cultura di base in quella materia. Può approfondire le sue conoscenze sulla società americana, quel poco che gli basterà a scoprire che CHIP è la sigla che sta per Children's Health Insurance Program, ma potrebbe metterci ore, giorni, settimane. Un video è molto meno faticoso. Non devi neanche leggere, i video si leggono da soli. Proprio perché su Internet c'è tutto, il contenuto semplice scaccia il contenuto complesso.

Ma per funzionare davvero, il video non deve essere soltanto semplice: deve anche escludere tutti gli altri contenuti: deve dirti che "tutto quel che sai è falso". Quel che rende irresistibile Zeitgeist, come tutti i documentari complottisti, è che ti mette di fronte a un aut-aut: o credi Zeitgeist, o credi a tutto il resto. E siccome Zeitgeist è facile, e tutto il resto è complicato e faticoso, molti utenti hanno già deciso pochi istanti dopo aver premuto il tasto play. È il motivo per cui il pensiero religioso continua a essere un'alternativa abbastanza ragionevole alla cultura scientifica: una volta si trattava di scegliere se leggere una biblioteca o un libro solo. Oggi non c'è neanche bisogno di leggere un libro, basta un video, il che sbilancia ancora di più i corni del dilemma. Si noti che mentre l'approccio religioso ("credo in tutto quello che mi dice un libro, o un video, o il blog di Beppe Grillo") può sembrarci un po' angusto, l'approccio enciclopedico ("leggerò tutto quel che posso leggere, imparerò tutto quel che posso imparare") nell'ultimo mezzo secolo è diventato a ben vedere qualcosa di utopistico e disperato: la biblioteca è troppo grossa, non posso leggere tutto, non posso imparare tutto, anzi le frazioni dello scibile umano che posso conoscere sono così ridicole rispetto al tutto che forse non ne vale nemmeno la pena. E qui scopriamo uno dei punti cruciali dello strano successo di Grillo su internet: il suo blog (lo si scrive da anni) è una specie di anticamera di internet, un posto frequentato soprattutto da gente che internet non sa bene cosa sia, non ha ancora imparato a usarla, e forse ne ha anche un po' paura. Siamo sicuri che non abbia tutti i torti? Internet può veramente fare paura.


"Stampo e stampo, clicco e stampo, tutte le puttanate che mi vengono in mente, non le leggerò mai..."

Lo so, per molti che stanno leggendo Internet è quel luogo meraviglioso dove hanno imparato tantissime cose grazie al quale hanno trovato lavoro, la ragazza e fatto pure dei bambini. Anche se nessuno di voi è nativo digitale, internet tra '90 e '00 ci è per così dire cresciuta intorno. L'abbiamo conosciuta molto prima che diventasse quella cosa enorme che è adesso. E anche adesso che è enorme, sappiamo orientarci abbastanza bene. Conosciamo i luoghi da evitare come la peste, sappiamo dove andare per trovare le cose che ci interessano (era automatico che Attivissimo commentasse l'exploit di Paolo B.; è il primo posto dove siamo andati a cercare). Ci eravamo quando sono nati i blog, abbiamo visto nascere e crescere wikipedia, abbiamo visto scoppiare la bolla di Second Life. Nel frattempo Grillo demoliva i PC nei suoi spettacoli. Più del gesto, è interessante ricordarsi il perché li distruggeva: perché facevano troppe e cose e lui avrebbe voluto farne soltanto poche, semplici. Raccontava di aver speso milioni in inchiostro da stampante perché non era in grado di selezionare cosa stampare e così no: non è la stessa vertigine del Paolo medio di fronte all'internet di oggi: cosa leggo? cosa stampo? ok, nessuno più stampa niente, forse. Ma di chi mi fido? Fatalmente, molti sceglieranno il messaggio più semplice e più integralista: Tutto quello che sai è falso, SvegliaaaaAAA!

Non vi è mai capitato che una biblioteca vi mettesse soggezione? tutti quei libri messi assieme, non sembrano dirci "non riuscirai mai a leggerci"? Più impariamo, più ci rendiamo conto di saperne poco, ogni giorno migliaia di persone scrivono i libri interessanti che non leggeremo mai. Se solo qualcuno ci dicesse che è tutto inutile, tutto falso, che non ne vale la pena... dovremmo credere in lui, ovviamente, e ciecamente; ma non sarebbe comunque un buon affare?

Paolo B. è un po' più giovane di molti di noi - ma non credo che sia una questione anagrafica. Paolo B. è soprattutto una persona che, come Grillo, come molti lettori di Grillo, si è ritrovata su internet senza preparazione. All'improvviso, senza mediazioni scolastiche o culturali, hanno premuto un tasto e avevano la più grande enciclopedia del mondo in casa, un lusso estremo fino a dieci anni fa, qualcosa per cui il potente Re Salomone avrebbe rinunciato a mogli e concubine - e non sanno da che parte iniziare. Per utenti così Zeitgeist è un inizio perfetto: non fa che dirti "è tutto un inganno, inutile proseguire, resta pure qui con noi, siamo tanti, ci vedremo in parlamento (sarà un piacere)". Noi che internet l'abbiamo assaggiata un po' per volta, fino ad assuefarci, dobbiamo fare un certo sforzo per capire i Paolo che prima di farsi i denti non riescono a mandar giù niente, e rigurgitano sull'internet pezzi di internet intera.

In questa forma il grillismo non è che la prosecuzione di una lunga lotta degli italiani contro la cultura, e in particolare contro la cultura scientifica. Lo hanno paragonato a tante cose in questi giorni - è uno sport popolare. Uomo Qualunque, Fascismo, Nazismo, ecc.. Qui vorrei proporre un parallelo un po' meno banale: nel suo tentativo di reagire a qualcosa di profondamente nuovo (internet) assorbendolo, mettendoselo sugli stendardi, e trasformandolo in qualcosa di vecchio (un pulpito semovente da predicatore '400), Grillo in fondo si ritrova sui solchi tracciati un secolo fa dai futuristi. Sarà che l'argomento è una mia antica ossessione, ma le analogie mi sembrano tante. Ne riparliamo magari un'altra volta.

70 commenti:

  1. Bravo, molto interressante. Diversi sociologi e non solo hanno cominciato da un po' di tempo a studiare gli effetti dei comportamenti umani di fronte a un eccesso di informazione. E` preoccupante quanto queste dinamiche tendano a prescindere da un concetto accettabile di verifica. Pane per la nostra epistemologia...

    RispondiElimina
  2. Meraviglioso post, aspettiamo gli approfondimenti. Comunque la facilità con cui gli M5 credono a qualunque panzana confermi i propri pregiudizi ricorda sinistramente il successo che ebbero i Protocolli dei Savi di Sion.

    RispondiElimina
  3. ottimo Leonardo. Avendo scritto qualche mese fa per il forum dove cazzeggio - che non linko perchè son timido - un papello di tema analogo, quando leggo su blog frequentati come il tuo le mie stesse idee provo una certa soddisfazione.
    Aggiungo una cosa: mi riconosco in pieno nel tuo ritratto dell'utente di internet molto più skillato rispetto all'utente medio del grilloblog e come tale posso dire che, quando noi vedevamo i grillini muovere i primi passi nel vasto mondo fuori dal loro serraglio, li catalogavamo subito e ci chiedevamo "ma questi da dove sono usciti fuori? Speriamo tornino presto nella loro fogna".
    Anni fa leggevo con dispiacere le statistiche in base alle quali l'accesso alla rete in Italia era limitato a una percentuale ridicola della popolazione, adesso che hanno aperto le gabbie trovo che siano già fin troppi. Purtroppo è a te come insegnante che spetta l'arduo compito di staccare i giovani virgulti dallo smartphone e insegnare loro prima di tutto a scrivere in un italiano decente: prima della connessione, ci sarebbe da risolvere il problema di una percentuale di analfabeti (più o meno funzionali) pari a quasi metà della popolazione, che in questo frangente si è manifestata votando appunto Beppe Grillo.

    RispondiElimina
  4. Non solo io ricordo l'internet tra l'80 e il '90, ma non riesco a guardare i video. Sono grave?

    RispondiElimina
  5. Condivido tutto di questo post, tranne il fatto che nessuno riesce a togliermi dalla testa che l'11 settembre gli americani se lo siano praticamente fatti in casa.

    RispondiElimina
  6. Concordo in effetti la mia fortuna come internettaro è stata di avere una solida formazione associata al fatto che per molto tempo ho usato il collegamento telefonico per navigare quindi anche la scelta di cosa leggere era condizionata dalla domanda quando si carica?

    RispondiElimina
  7. Boh, sì, Zeitgeist è davvero poca roba - benchè gli speciali tv su egizi, madonne che piangono sangue, risvegli o sindoni, il celebre Porta a Porta coi carnefici slavi in uniformi made in Italy, o il Messori della gamba che ricresce, non so quanto sian meglio - e di certo non fa un gran servizio al suo altisonante nome - ma che dire, allora, di Wittgenstein?
    Però se poi l'esempio di cosa fatta come si deve è Attivissimo, son tentato di stare col Grillo neoluddista.

    RispondiElimina
  8. Bel post, riflessione interessante che mi sento di condividere.
    Ricordo che quando andavo al liceo il mio prof di teatro** aveva sostenuto una cosa simile, siccome la rete all'epoca era ancora agli albori lui si riferiva a tutti qui libelli che andavano di moda circa i templari che conquistano il mondo aiutati dal nuovo ordine modiale e simili.
    Internet è uno specchio dell'umanità, c'è dentro tutto e il contrario di tutto e ovviamente sta a noi distinguere il grano dal loglio: in epoca pre-internet avremmo detto "evita di credere al primo fanatico che bussa alla tua porta".

    Ricordo che fra i commenti di qualche tuo post addietro c'era uno che ti minacciava di non cancellargli il testo altrimenti "faremo sapere a tutta la rete il tuo gesto"; in maniera analoga ricevo spesso delle email da parte di certi attivisti che mi invitano a firmare petizioni per questo o quell'altro autoconvincendosi poi che gli eventi politici internazionali avvengano perché 50 000 -100 000 persone (lo 0,1-0,2% degli italiani, lo 0,014-0,028% degli europei, ma se contiamo almeno un 50% di troll otteniamo un numero ancora inferiore) avrebbero firmato il loro appello. Una volta ho provato a cercare informazioni su di loro e ho trovato dei complottisti che sostenevano che in realtà dietro di loro c'era non ricordo quale società finanziaria che aveva lo scopo di screditare le petizioni on-line, organizziamo subito una bella petizione on-line contro tale società.

    Tornando alla fatica dell'acquisizione dati, me ne accorgo quotidianamente quando uso i motori di ricerca scientifici come Sci Finder o ISI Web of Knoweledge alla ricerca di articoli e pubblicazioni: il 95% del tempo viene speso per separare il ridondante.
    Mi rendo quindi conto che qualcuno possa essere tentato dal "tutto quello che sai è falso", così la facciamo finita e non se ne parla più.

    Mi sa che ho scritto troppo, però approfitto ancora per dirti che neanche a me piace la nuova visualizzazione dei commenti, ma siccome chi commenta è ospite in casa d'altr me torno alle mie casarecce ai funghi e più non fiato (si, anche qui fra la Mosa ed il Reno riusciamo a cucinare mediterraneo ogni tanto ;) ).

    **si, proprio così: prof di teatro... ho fatto un liceo scientifico assai bizzarro, col senno di poi lo definirei "a sperimentazione umanistico-teatrale" ma se potessi tornare indietro lo rifarei da capo.

    RispondiElimina
  9. Articolo bellissimo e condivisibilissimo.

    In questa forma il grillismo non è che la prosecuzione di una lunga lotta degli italiani contro la cultura, e in particolare contro la cultura scientifica. Lo hanno paragonato a tante cose in questi giorni - è uno sport popolare. Uomo Qualunque, Fascismo, Nazismo, ecc..

    Partendo dalla lotta contro la cultura scientifica, il vero padre spirituale di Grillo è Benedetto Croce: http://pensieri-eretici.blogspot.de/2011/10/ne-portiamo-ancora-la-croce.html

    Saluti,

    Mauro.

    RispondiElimina
  10. Questa volta non condivido, anzi. Zeitgeist non è complottismo, magari lo è stato parte del primo film, la sua nascita, ma come ogni cosa su questa terra si è provato, è maturato ed è cresciuto. Seguite le discussioni, i teamspeak, ascoltate.
    Se poi la verità la sancisce Attivissimo siamo apposto. Non è che se ci sono 10 argomenti e uno trova la verità su 9 questa si applica automaticamente anche alla 10. Informaticamente nulla da ridire, ha fatto sempre uno splendido lavoro... cose dimostrate! ma sulle torri gemelle fatemi il piacere. Mi fa sorridere vedere che dopo 12 anni ci siano ancora persone che credono che dei cavernicoli abbiano violato lo spazio aereo americano, cosi... ma poi un aereo che si schianta in un punto in cui per l'appunto non c'era nessuno del pentagono, poi un aereo che si disintegra, sparisce. non c'è una telecamera che ha ripreso qualcosa... al pentagono! :-D Ma poi organizzato dal terribile Bin Laden che l'hanno ammazzato in mare e buttato fra le onde! Cioè... si parla di americani? Buttano in TV anche quanto uno va in bagno al giorno e questi si perdono il servizio del secolo? Dai dai... restate con la vostra paura rifugiandovi dietro queste verità di comodo... quella ufficiale...
    Ma che buffo... dovevano andare a prendere Bin Laden e per la strada hanno trovato Saddam Hussein... son proprio sbadati. Ma non è stato per il petrolio sul quale galleggia l'iraq, è perchè il navigatore gli diceva che per andare dai terribili talebani si doveva passare per bagdad... sai, quando ci sono armi di distruzione di massa è bene uccidere e rovesciare una nazione (anche se non si trovano queste armi)! Ma gli esportatori sani di democrazia ormai son diventati efficienti nelle loro missioni di pace! ovviamente dove c'è da prendere delle risorse...
    Poi vediamo... il signoraggio è una bufala! Eccerto! Il debito è un pò come lo spread... bene sempre ricordarlo quando le cose non vanno come devono andare... rendiamoci conto... con berlusca era quasi a 500 arriva Mister Monti e passa a 200... si va alle votazioni e con il rischio ingovernabilità (mentre ancora non erano definitivi i risultati) risaliva come lava in un vulcano...
    mi dispiace, ma se spesso ho letto con curiosità e ammirazione, questa volta provo solo un sincero disprezzo.
    Andrea Manzi

    RispondiElimina
  11. Cmq paolo attivissimo è un noto debunker del CICAP, non è assolutamente credibile. Andatevi a vedere i video di Massimo Mazzucco....Mi sa che sto Leonardo alla fine non è molto diverso da quelli che giudica.

    RispondiElimina
  12. Andrea Manzi,
    anche io, ho letto con curiosita' e ammirazione i voli pindarici della tua mente. sono affascinato da tanto sincero disprezzo.
    credo tu sia il perfetto archetipo, il soggetto che Leonardo cita. Mio caro Andrea, con affetto si parla di te.
    ti prego dimmi che hai votato Grillo!

    Leonardo, te lo ripeto, Grillo ti ha fatto bene. hai una nuova verve!

    RispondiElimina
  13. In risposta ad Aru.

    Per stimolare un letterato non c'è niente di meglio di una bella disgrazia: la peste per Boccaccio, l'amore non corrisposto per Petrarca, l'oppressione austriaca per Manzoni... e il M5S per Leonardo ;)

    RispondiElimina
  14. Insomma, Zeitgeist e' sicuramente un concentrato di assurdita', il cui scopo fra l'altro e', secondo me, screditare alcuni delle tesi che presenta con argomenti pretestuosi. Pero', pero', vedo che anche tu aderisci alla religione di Attivissimo. Qualsiasi cosa scriva quell'uomo e', per i fanatici di questa religione, la Verita' rivelata. Mai nessun dubbio sulle sue fonti o sui suoi metodi, Attivissimo ha sempre ragione. Mi sembra un procedimento metodologico non dissimile da chi si vuole criticare in questo post. Mi sono perso qualcosa? (In realta', piu' che Leonardo che sicuramente generalizza e semplifica per amor di brevita', mi spaventano molti altri adepti di questa setta). Con stima, Daniele

    RispondiElimina
  15. Caro Leonardo,

    la cultura scientifica è sotto attaccato dal giorno in cui è nata la scienza. Tutt'ora si contrappone il creazionismo al darwinismo (l'ultimo l'articolo sul Foglio, riguardo il rogo della città della scienza a Napoli), per non parlare di tutte le teorie bislacche che si trovano su Internet!

    Andando nello specifico del m5s, ultimamente ho letto delle discussioni sulla vivisezione e la vaccinazione da farmi venire la pelle d'oca. Siamo a livelli di medio evo scientifico, come è sempre stato tra la popolazione, ma con Internet la cosa è diventata di dominio pubblico.

    Ora, io non credo al fatto che l'accesso alla conoscenza faccia così tanta paura da indurre un blocco ed allo stesso tempo, a cercare una scorciatoia: nel tuo esempio il video di Zeitgeist. Così come non credo che la biblioteca possa spaventare, perché vedere tutti quei libri insieme ci porta a pensare che non potremmo mai leggerli e quindi ci blocca sul nascere!

    In realtà la gente legge, si informa, si fa un'idea sull'argomento ma molto spesso, questa idea è completamente sbagliata. Soprattutto quando si parla di materie scientifiche. Studiare un argomento nuovo, da autodidatta, non basta, anzi, spesso è deleterio. Entro in biblioteca, il tempio della conoscenza, e credo di uscirne fuori con un nuovo "sapere". Falso!
    In Internet è peggio ancora, perché oltre a leggere puoi pure commentare (come me ora ;) ).

    Se per diventare uno scienziato ti devi fare 5 anni di Università, una tesi sperimentale (1-2 anni), più un dottorato di ricerca (altri 3 anni), un cavolo di motivo ci sarà. Non è la semplice nozionistica a fare la differenza. Un percorso del genere serve principalmente ha tirare fuori, potenziare, sviluppare il ragionamento scientifico. Il Paolo B. non spaventa perché porta ad esempio Zeitgeist, ma perché lo fa come se fosse un Vescovo con i suoi dogmi religiosi. Sarebbe lo stesso se si mettesse in testa di difendere il darwinismo dopo aver letto una Wiki e visto un video di "salcazzo". La scienza non si difende a dogmi. Non è una religione.

    Per fare un esempio concreto, leggiti, se hai tempo e voglia, la discussione sui vaccini in Lombardia, segnalata dal Tumblr di Nipresa: http://nipresa.tumblr.com/post/44799046185/proposta-m5s-vaccinazioni-pediatriche-non-piu

    All'unico che prova a portare ordine e dati scientifici nella discussione, si contrappone gente informata a cazzo, senza la minima idea su come si tiene una discussione scientifica e che argomenta con "matrix - pillola rossa e blu".
    Questo perché non sanno discutere scientificamente, non sanno leggere un grafico, dei dati, estrapolano pezzetti di articoli che sembrano volergli dare ragione e te lo sbattono in faccia come se fosse la verità assoluta: benvenuti nel Medio Evo scientifico. Un posto dove la gente crede sia sufficiente usare la logica per arrivare alla verità: è un ragionamento logico, dunque è vero. Ecco che così sanciscono la morte della scienza, della sperimentazione, delle prove scientifiche. Son come quelli che parlando di surriscaldamento globale confondono il meteo con il clima e ti dicono "ma come, si alza la temperatura globale e però l'inverno fa sempre più freddo!"

    Siamo di fronte ad una massa di qualunquisti che al contrario di quello che scrivi tu, legge e pure troppo, ma lo fa senza una guida appropriata. Come decidere di scalare l'Everest perché ci si è comprati le migliori attrezzature di sempre!

    RispondiElimina
  16. Molto condivisibile, sono d'accordo con chi dice che grillo ha fatto molto bene anche a te, oltre che al pd. Una sferzata di novità.
    Resta con i piedi per terra, però. Si sta parlando di alcuni milioni di persone e, a mio modestissimo parere, non sono tutti zeitgeist, biowashball, no-euro (abbreviato "neuro"), plutocomplottomassomaniaci. Credo tu abbia descritto molto bene Paolo B., ma questo non significa molto rispetto a chi lo ha eletto. E se non ci si interroga seriamente, a partire dal tuo partito, sul motivo per cui gli 8 milioni e passa di cui sopra hanno corso il rischio di mettere il sig. zeitgeist in parlamento al posto di tanti altri geniacci della prima e seconda repvbblica, se si continua a vivisezionare gli infiniti difetti delle 160 new entry anziché ragionare del motivo per cui tante (tantissime) persone che è necessario considerare senzienti li hanno votati... siamo sempre al solito punto che ci lascia basiti a chiederci come sia stato possibile che berlusconi abbia ancora tutto quel consenso.
    La risposta non è che chi li vota è come loro: troppo semplice. E troppo inquietante... quasi cospirazionista!

    RispondiElimina
  17. Leonardo non sei abbastanza complottista ne non scrivi SVEGLIAA!!11!!1!. L'alternanza compulsiva tra ! e 1 è fondamentale. Non importa il numero.

    Ottimo post.

    RispondiElimina
  18. Veramente sono stati condannati per aver detto che andava tutto bene e non ci sarebbe stato nessun terremoto, e fatevi un bel bicchiere di vino.

    RispondiElimina
  19. Ottimo Post!!! Complimenti!!!
    senti se hai tempo potresti dare una lettura al mio post sulla Religione Grillo?
    Grazie
    Mimi
    http://mimimollica.wordpress.com/2013/03/07/grillos-cult/

    RispondiElimina
  20. è stato già detto tutto e non aggiungerò altro, ma il post m'è piaciuto e solo una su internet e la scienza: c'è un sacco di gente che non è più capace di leggere più di dieci righe di fila, meglio i filmati! c'è meno da ragionare, si possono guardare mentre si telefona, ecc.
    solo che non tutto è riassumibile in 10 righe.
    e poi si confonde il possibile col plausibile col verosimile... come le storie sull'11 settembre... siccome la verità ufficiale non ci convince ne accettiamo un'altra che ha ancora meno prove di quell'altra e fa nascere ancora più dubbi...
    ochei avevo detto che stavo zitto
    ah, un'altra cosa: ha ragione claudio, per te il m5s è come la peste per manzoni, ora si spera che non lo sia per noi come per i milanesi...

    RispondiElimina
  21. In risposta a Luca Corio.

    Ho letto con interesse e sconforto crescente quello che hai scritto in merito alla non preparazione scientifica di certa gente; sconforto perché purtroppo debbo ammettere che è tutto vero.

    Mi sento però di osservare una cosa: se è vero che per un percorso scientifico completo occorre affrontare anche il dottorato (quello che sto facendo io al momento), il seme della scienza può essere fatto germogliare anche senza tale enorme preparazione: il lavoro nelle scuole è da questo punto di vista fondamentale.
    Non tutti possono o vogliono fare un PhD, ma si può ragionar di scienza anche chi non è PhD, visto che la scienza è più che altro un modo di affrontare i problemi ch ci si pongono davanti.

    Purtroppo la scuola italiana non sempre forma un approccio scientifico di base nelle persone.

    RispondiElimina
  22. Ma la cultura scientifica sarebbe Attivissimo?
    Gli scienziati condannati per il terremoto dell'Aquila hanno rassicurato la popolazione per compiacere Bertolaso.
    A questo punto sorge spontanea una domanda: Leonardo ma ci sei o ci fai?

    RispondiElimina
  23. C'è un problema di fondo nell' "informazione" su internet: tutto quello che viene scritto, viene scritto comunque da persone. Non è che si materializza dalla dimensione della verità. Questo è naturalmente vero anche per i libri, i giornali e le riviste: non è naturalmente che una enciclopedia stampata non possa contenere errori, ma si suppone che il controllo a monte sia (o dovrebbe essere, in italia purtroppo si lavora sempre in maniera approssimativa) maggiore. E c'è comunque qualcuno che fa da garante: l'editore, l'autore etc. Ripeto, non che questo sia sempre una garanzia assoluta, ma insomma. Invece su internet la grande massa di informazioni e spesso l'anonimato fanno convivere cose buone con cose pessime con cose boh. Prendiamo Wiki: è un progetto splendido e utilissimo, ma il controllo incrociato degli utenti funziona solo in parte, perché se io scrivo una voce su un argomento di cui in pochi sono informati, chi controllerà? La ricerca della verità -o almeno di una approssimazione statistica della stessa- è faticosa e richiede tempo e tempo, e chi fa ricerca lo sa bene, e non basta essere appassionati per scrivere voci enciclopediche. Tante voci sono fatte bene, tante altre sono approssimative, e non è detto che chi ne sa di più abbia voglia di mettersi lì a correggere: come ogni iniziativa collettiva, il fenomeno del free riding è alto. Insomma, tutto questo per dire che questa fiducia fideistica in internet è sostanzialmente pericolosa: una somma di informazioni e nozioni non ci rende più saggi o consapevoli, se anche fossimo in grado di digerirle tutte. Senza spirito critico e di ricerca, non si va avanti.

    RispondiElimina
  24. Mrs_Hide
    Anche tu hai attirato la mia attenzione, quale soggetto del post.
    Mi potresti spiegare quale quale salto logico c'e' tra
    Attivissimo-previsioni di terremoti - Bertolaso- comprendonio di Leonardo?

    Leonardo, perche' non indaghi?interviste e spaccati di vita per noi, altro che Barbara D'Urso!

    RispondiElimina
  25. Caro Leonardo,
    il tuo post (peraltro anche condivisibile, magari non in toto) che qui pubblichi con il titolo Zeitgeist è un rigurgito" è stato ripreso dall'Unità on-line, che però gli ha cambiato il titolo in un più esplicito (e più funzionale per la propaganda) "perché un grillino crede alle bufale?"

    C'è forse bisogno di una più lampante dimostrazione di disinformazione, o meglio, di distorsione dell'informazione?

    RispondiElimina
  26. Condivido la sostanza dell'articolo e i pericoli citati. Tuttavia mi chiedo due cose.
    La prima riguarda il fatto che molti (a prescindere da internet) non hanno le basi metodologiche per apprendere in modo critico. Qui il problema è del sistema scolastico e in generale di quello sociale (viste le trasmissioni della televisione di Stato (tipo voyager) e mediaset (tipo misteri).
    L'altro aspetto è quello politico contro grillo. Le generalizzazioni sono sempre erronee. Pensare che tutti quelli che hanno votato grillo siano degli stolti è un errore. Non tutti considerano le stupidaggini come oro colato.
    L'ultima cosa a cui mi viene da pensare è (lo chiedo a me stesso): se avessimo partecipato alle discussioni del blog di grillo (prescindendo dall'approccio fideistico-ideologico intendo), il programma del movimento cinque stelle sarebbe stato lo stesso? gli eletti in parlamento sarebbero stati quelli che vediamo oggi? Forse no. Probabilmente il rigetto per mero pregiudizio ha fatto si che altri, magari meno informati, meno colti, occupassero degli spazi liberi. E' evidente inoltre che gli eletti in parlamento non sono colpa di grillo ma di una legge elettorale ad dir poco infame.

    RispondiElimina
  27. Bravo. Mi e' piaciuto molto il tuo post. Sono questi i motivi per cui mi spaventa moltissimo la cosiddetta "informatizzazione" delle scuole, anche primarie, che viene fatta a tappeto e senza neppure una preparazione adeguata degli insegnanti!!

    RispondiElimina
  28. http://www.youtube.com/watch?v=wzhsHK8ozSM&feature=youtu.be

    http://it.wikipedia.org/wiki/Microchip_(impianto_umano)

    la tecnologia dei chip RFID esiste gia', possiamo anche stare qua a ridicolizzare Paolo, ma non credo che questo cambi la sostanza della possibile schedatura cui i governi potrebbero sottoporci da qui a 20 anni.
    saluti

    Leo

    RispondiElimina
  29. Si è il proseguimento del futurismo, hai ragione, senonché il futurismo non era altro che un'espressione del fascismo: vedi Marinetti

    RispondiElimina
  30. Il titolo "perché un grillino crede alle bufale" è mio. Non capisco dove sia la deformazione: il post parla di un grillino, Paolo B., che crede a delle bufale.

    RispondiElimina
  31. Il ragionamento fila. Qualche dettaglio qua e la' e' discutibile; discussione che e' invocata dal ragionamento stesso.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  32. Essere complottisti, cospirazionisti ad ogni costo è un errore. Di sicuro la verità imposta dall'informazione tradizionale (non dalla scienza) è sempre da mettere in discussione.
    Per esempio tu hai creduto e continui a ripeterci che gli scienziati siano stati condannati per non aver previsto il terremoto.
    In una puntata recente di 'presa diretta' si spiega dettagliatamente e a prova di scimmia che non è così.
    Inoltre sei ostinato nella difesa dell'euro, così ti hanno raccontato i politici per decenni nei talk show. Gli economisti sostengono l'esatto contrario.

    RispondiElimina
  33. @aru
    Mi riferivo a due punti del post di Leonardo che mi hanno colpito.
    il primo:
    Se parto dal presupposto che Zeitgeist sia una patacca, e ci può pure stare, magari come esempio di affidabilità non uso Attivissimo, che ha ben pochi titoli per meritare siffatta stima.

    secondo: "Condannati per non aver previsto i terremoti" va bene per i lettori di Libero e del Giornale, ma credo che i lettori di Leonardo siano abituati ad argomentazioni migliori.
    Perciò mi chiedevo: davvero Leonardo pensa che Zitgeist sia il male e Attivissimo il bene?
    Davvero Leonardo pensa che chi lo legge non conosca le motivazioni della sentenza dell'Aquila?
    Sono stata un pò più chiara ora?







    RispondiElimina
  34. Caro anonimo delle 15;55, nella tua ultima frase affermi

    "sei ostinato nella difesa dell'euro, così ti hanno raccontato i politici per decenni nei talk show. Gli economisti sostengono l'esatto contrario"

    Il che è una corbelleria di dimensioni megagalattiche.
    Esistono politici favorevoli all'Euro (es: Romano Prodi) e politici contrari all'Euro (es: Giulio Tremonti), esistono poi economisti pro ed economisti contro; la stessa definizione di "pro" e "contro" è ambigua in quanto esistono diverse sfumature, ad esempio la redazione dell'Economist è favorevole all'Euro ma generalmente contraria al rafforzamento della struttura politica, invece l'SPD tedesco è favorevole all'Euro e favorevole al rafforzamento della struttura politica, e così via...

    Forse dovresti evitare di generalizzare, di pensare in bianco e nero senza sfumature intermedie, perché il prossimo passo è "gli italiani sono tutti fannulloni" oppure "gli italiani sono tutti furbi", ottima base per una barzelletta, ma pessima per la comprensione della realtà.

    RispondiElimina
  35. a Mrs Hyde
    Grazie per la risposta.
    Credo che sugli altri punti,Leonardo possa rispondere, se ne ha voglia.

    Potresti anche spiegarmi in cosa non sia attendibile Attivissimo?
    Ancora, tu cosa useresti quale verifica dei fatti?

    Grazie

    RispondiElimina
  36. @aru
    Per l'esattezza ho votato il movimento 5 stelle, non "Grillo"! certamente! Chi avrei potuto mai votare? Il PD??? Da uno che si è sempre sentito di vocazione di sinistra e che ha votato gli ultimi 15 anni i menopeggio (ovvero la nullità centrosinistra) e vedere che non sono buoni neanche a vincere con gli avversai fuori gioco... ho pensato... sono stanco di questa corrente tiepida... è la volta di provare a cambiare. E non sono fra quelli che lo hanno fatto per protesta, le prossime elezioni rivoto movimento 5 stelle. Finchè non ci saranno cose che mi schiferanno ovviamente.
    Lieto di essere un archetipo a cui si riferisce il post. Ma fatemi il piacere. Prima di sparare giudizi sul movimento aspettate di vedere, non dico tanto, almeno una mossa fatta in parlamento... una proprosta di legge. Magari vengon fuori altri deputati regionali che si riducono lo stipendio ;) Invece già si sente di tutto e di più su internet e da quello che leggo anche in tv (perchè in casa mia non ci tengo quella friggitrice di pensiero)
    Comunque auguri. Rincorrete il nulla di renzi e bersani. Non vi dico certo sveglia o altro... ognuno ha il suo pensiero ed è giusto lo porti avanti come sente e crede. Ma gli elettori del pd mi fanno tenerezza quanto quelli del pdl... 20 anni di aria cotta e ricotta e continuate a votarli... ci sono fatti, basta guardarsi un pochino indietro, non supposizioni come avete su "grillo".
    Buona vita
    Andrea Manzi

    RispondiElimina
  37. Ciao Andrea Manzi
    Grazie per la risposta.

    personalmente non ho votato ne' PD ne' PDL, ma fa poca differenza ora.
    Vorrei farti un' altra domanda personale. Vorrei capire di piu' del tuo movimento e dei sostenitori.

    Che tipo di scuole hai frequentato?
    Se non hai la televisione, dove ti informi? e se internet, che siti?

    Grazie ancora
    e serena vita a te!

    RispondiElimina
  38. Anch'io ho una teoria. Anzi, forse un corollario. Secondo me è in parte colpa di Wikipedia. Secondo simo vittime del seducente e subliminale malinteso che se un'enciclopedia può essere fatta da chiunque, allora chiunque può fare un'enciclopedia. Non esistono più "auctoritates": siamo tutti titolati, tutti redattori, tutti revisori. Il peso delle informazioni si equivale, e siamo noi a privilegiare le une o le altre a nostro insindacabile giudizio.

    RispondiElimina
  39. L'economia spiegata ai grillini:

    SERIE BiIiIiiIIiII!!11!11!!!!1!11

    SERIE BIIiiiIiiiI!!11!1!11!1

    Voi votate Casaleggio,

    noi finiamo in SERIE B:

    http://www.corriere.it/economia/13_marzo_08/rating-italia-fitch-taglia_03a29b3e-8814-11e2-ab53-591d55218f48.shtml

    tibi

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. Beh Aru, per farti un esempio che a suo tempo fu discusso nei commenti (che nel mentre sono spariti) ad un articolo del Post, Attivissimo è stato beccato (peraltro da Mazzucco!, quello della terra cava!) a sostenere che la buca di Shanksville fosse profonda 15m e larga 50m - quando è evidente da tutte le fotografie che è profonda 2-3 metri e larga 10-15. E questo parlando da relatore ad una conferenza sull'11 settembre, nell'atto di spiegare agli astanti perchè quella buca fosse dovuta all'impatto di un aereo di linea.
    Dopo di che, con profonda deontologia scientifica, invece di ammettere il grossolano errore - perchè non so, è come dire che un libro tascabile è un metro e mezzo per un metro e pesa tre chili, o che l'Italia ha la stessa popolazione degli USA - ha detto di aver preso quei dati da due quotidiani locali (uno dei quali, tra l'altro, di Seattle!), e dunque che se mai i dati presentati nel suo talk fossero stati erronei, la colpa comunque non sarebbe stata sua ma degli autori dei due articoli che aveva utilizzato come fonte.

    RispondiElimina
  42. Boh, il secondo link non va, pensavo di aver copincollato male, ho ripostato, ma niente, l'URL viene "completato" in automatico...

    RispondiElimina
  43. Figurati Aru, mi sono fermato alle scuole superiori, Istituto tecnico commerciale con indirizzo programmatori. Che poi quello che ho imparato di informatica non lo devo alla scuola ma alla passione che ho. Mi informo solo su internet e diciamo sfogliando qualche giornale a volte la mattina quando faccio colazione al bar... più che altro per vedere una stessa notizia come viene riportata.
    Non ho siti purtroppo da dirti... in genere cerco cosa mi interessa e dove mi porta google vado, senza pregiudizio. Poi vedi informazioni da una parte, informazione dall'altra e la mia mente tira le sue conclusioni.
    Per esempio adesso ero su wikipedia che puo essere modificata da chiunque ma questo è interessante:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Operazione_Northwoods
    ci sono voulti 25 anni per far uscire questo piano criminale che non è andato in porto... chissà magari quando saremo sottoterra ci sarà qualcuno che pubblicherà una realtà diversa sugli attentati dell'11 settembre perchè ha le prove... ma ormai saremo inutili (poco più di quanto lo siamo ora) :)
    Un sito che non frequento costantemente ma che mi piace molto è:
    http://www.anticorpi.info/
    Diciamo come leonardo... il più delle volte lo seguo quando sono in treno per andare a lavoro... ma siti ai quali sono affezionato non so davvero darteli.
    Ciao!
    Andrea Manzi

    RispondiElimina
  44. @tibi... è una battuta fatta e rifatta solo qui 2 volte... l'originalità dei non grillini è straziante.
    Quindi economista, grazie a casaleggio/grillo/grillini con tutto ciò che hanno fatto fino ad ora (cioè niente) ci hanno declassato nuovamente... chissà... magari appena iniziano a fare qualcosa ti mettono A+++ con l'ozione rispamio energetico.
    Andrea Manzi

    RispondiElimina
  45. Non sono d'accordo proprio su tutto.

    Troppo comodo che i grillini siano "quelli che non hanno voglia di studiare e guardano le figure". Capisco che sia gratificante ma non è così. È la tipica reductio ad ignorantem dei conservatori.

    È ovvio che nell'era della sovrabbondanza di informazioni, comunicare in modo semplice ed efficace è importante. Ma questo lo sa anche Attivissimo. Non c'è niente di nuovo. Anche Attivissimo scrive in modo semplice, con titoli ad effetto, ricorrendo a battute e caricature per attirare l'attenzione. Cos'è, un grillino pure lui?

    Al contrario molti siti complottisti fanno lunghe e monotone trattazioni con pagine statiche. E alla fine non dicono "tutto quello che dovevi sapere adesso lo sai", ma danno liste di rimandi bibliografici, scimmiottando lo stile dei siti "seri".

    Non penso che i complottisti non abbiano voglia di approfondire. Anzi, spesso sono quelli che approfondiscono e leggono di più (a modo loro) proprio perché sono costretti a trovare molti argomenti per le loro tesi controintuitive. A me è capitato molte volte che un complottista mi prendesse in castagna su un argomento, sul quale lui era preparatissimo e io no.

    Il successo di Zeitgeist non sta nel "risparmio di fatica" ma nel fornire argomenti per attaccare un mondo percepito come estraneo. Un mondo fatto di banche, accordi internazionali, finanza, è inaccessibile e frustrante per molti giovani che ne vorrebbero far parte. Accettarlo così com'è sarebbe come accettarne la superiorità. Quindi bisogna sovvertirne le tesi per sentirsi vivi.

    RispondiElimina
  46. @Andrea Manzi: non ho la pretesa di essere originale, anzi, il coro da stadio come linea politica direi che è proprio la cifra comunicativa del grillismo.
    Quello, oppure i pipponi catastrofico-complottisti che fanno da approfondimento e pezza d'appoggio, così come i cori da stadio fanno da slogan e documento di sintesi: l'uno sostiene l'altro.

    tibi

    RispondiElimina
  47. Però io non ho mica scritto che tutti i grillini sono così. Ce n'è almeno uno, Paolo, che è così. In realtà ce n'è più d'uno, ma senz'altro non esaurisce il fenomeno.

    RispondiElimina
  48. @aru
    la fama di Attivissimo è legata al servizio antibufala, impeccabile ed utile finchè si tratta di catene di sant'antonio, bimbe malate bisognose di midollo e via dicendo. Però negli anni il concetto di bufala si è allargato, e Attivissimo è diventato paladino della Versione Ufficiale in qualunque campo dello scibile umano ce ne sia una - cosa che è un pò troppo persino per lui.

    RispondiElimina
  49. A atlantropa
    Grazie per la risposta.
    Se si parla di metodo, mi sembra che Attivissimo sia sulla strada giusta. Nel dettaglio delle sue reazioni non entro, ne nel merito dei fatti, ne giudico le sue reazioni. ma se si parla di approccio scientifico, Attivissimo e' sulla strada giusta.
    C'e' un fatto, una verfica del fatto e della fonte. Questo e' l'approccio scientifico (ofrse meglio dire realistico).
    tanto per chiarire, no seguo Attivissimo ne sono un suo seguace.

    -@ Andrea Manzi
    Grazie. informazioni illuminanti.

    -@ leonardo
    il mio modesto parere:
    creduloni, imboniti, seguaci di complotti, allocchi o altro sono in ogni parte del mondo. e' la natura umana.
    E' vero che in Italia si paga il prezzo di una assoluta assenza di cultura e cultura "scientifica". non intendo quella applicata (non e' nella matematica la verita" del mondo; manca un approccio piu' "concreto" alle cose; meno enfasi, meno spettacolo, meno apparenza.
    I cosidetti piedi per terra!
    LAvoro in Giappone come ingegnere e spesso contatti i rispettivi colleghi italiani.
    Spesso i miei colleghi giapponesi lamentano una mancanza di concretezza e di realismo nel lavoro degli ingegneri italiani.
    Gli ingegneri italiani spiattellano grafici e numeri ad catsum, ma manca una ferrea logica. Il tecnico giapponese vuole sapere se la macchina si rompe o no, non quanto sei fico o quanto e' bello il mondo.
    per carita', non tutti sono uguali, non tutti sono farfalloni, not tutti sono perfetti, i giapponesi non sono migliori o peggiori di noi e molti si suicidano per eccesso di realta'.

    trovo lo stesso approccio emozionale con i giornali, i film, la vita quotidiana (da quello che ricordo).Troppa passione o troppe materie umanistiche?

    -Segue critica con sottile ironia-
    Anche tu Leonardo, scrivi ottime cose, ma poi ti e' mancato un fact checking sul fruitore di Zeitgeist
    Con affetto

    RispondiElimina
  50. Ok Aru, quindi secondo te è scientifico che in una discussione tecnica si utilizzino i dati della Gazzetta del Mezzogiorno - a questo punto immagino sia altrettanto scientifico dire (come fa Attivissimo) che le bombe di Londra e Madrid furono messe da Al-Qaeda.

    Insomma basta disseminare opportunamente intercalari come "onere della prova" e "falsificabile" e sei scientifico.
    Coglioni noi a pagare le tasse di iscrizione ogni anno.

    RispondiElimina
  51. zeitgeist ha lo stesso effetto, la stessa funzione del malleus maleficarum. una delle caratteristiche comuni è che chi leggeva il malleus maleficarum non era gente che leggeva altro. non erano letterati. era gente che cominciava a leggere proprio grazie a e per il malleus maleficarum. e questo faceva scattare uno strano meccanismo: si sentivano intelligenti perché leggevano il malleus, e allo stesso tempo si convincevano del contenuto. quindi: "se sono intelligente, infatti leggo, vuol dire che ho la capacità di discernere, e quindi il malleus è verbo". gli entusiasti di zeitgeist sono anche questo, lettori del malleus. non hanno mai approfondito gli argomenti di zeitgeist, né ne hanno mai sentito parlare. per la prima volta in vita loro ne sentono parlare, e questo li convince: a) di essere intelligenti; b) che zeitgeist è il verbo.

    RispondiElimina
  52. in questo post è incredibile la presunzione tipica della sinistra borghese e conservatrice che pensa di avere in mano le chiavi del sapere .. .. oltre che essere un'efficace arma di propaganda..... quindi chiunque cerchi nozioni su internet è un povero credulone che non ha mai letto un libro che non può e non merita di conoscere le meraviglie della Treccani... ottifuturismo lo traduco in fascismo ovviamente ..non in una corrente artistica...

    RispondiElimina
  53. Mi domando se explotattion movie
    1) abbia letto l'articolo e non l'abbia capito
    2) non l'abbia letto e spari giudizi in base alla prima riga

    Se avesse letto l'articolo, infatti, avrebbe capito che oggetto di critica sono coloro che quando cercano le informazioni su internet si fermano al primo sito complottista che dica loro "non cercare più, noi sappiamo tutto".

    RispondiElimina
  54. Sono uscito con una complottista per un annetto, e sottoscrivo tutto. E le mie risposte erano molto simili alle tue :)

    Io aggiungevo la mia teoria del "Rasoio di Occam" sui complotti, ossia cercare spiegazioni più semplici ad eventi che accadono tutti i giorni (banche, obsolescenza programmata, mancanza di privacy per citarne alcuni)... anziché tuffarsi in complotti planetari!

    RispondiElimina
  55. Atlantropa,
    forse non sono stato chiaro.
    Io non sono un estasiato e incondizionato supporter di Attivissimo. lo avro' letto si e no 4 volte nella mia vita.
    Quindi se tu mi parli di Autori di attentati, Gazzetta del Mezzogiorno o altri dettagli, sinceramente non ti seguo...
    Il mio punto e' diverso.
    Io parlo di metodo, non di debolezze personali, limiti umani, Gazzette del mezzogiorno.
    tu mi dai una notizia e una fonte, io la posso verificare e controbbattere.
    Nel caso di Zeitgeist, ci sono delle informazioni verificabili?
    ci sono dei riferimenti specifici?
    Leonardo ha trovato Attivissimo ed io ho preso solo spunto da li.
    Se ci sono altri giornalisti o divulgatori scientifici con tesi diverse, benvengano.
    NOn condivi Attivissimo. Bene, ottima cosa. Forniscimi altri autori o divulgatori, confrontiamo le tesi (e' un esempio, non una sfida).
    Questo e' il metodo scientifico, a mio modesto parere.

    Per tornare al tema del post, ignoranza, superficialta', piattume culturale, si possono e si devono combattere.
    anche pagando le tasse universitarie.

    Comunque non ho dato del coglione a nessuno.
    direi di mantenere un tono del dialogo aderente alla realta'.

    RispondiElimina
  56. claudio vda io mi chiedo se tu per candore non abbia capito la sottigliezza del blog o io sono troppo oltre ...e comunque la tua risposta non fa altro che confermare la mia tesi ossia che detesto l'elite sinistroide ancora dietro a vecchi schemi intellettuali, credo che poi alla fine siano i veri conservatori rannicchiati e barricati dentro un confine di sapere che credono sia solo loro..quando poi alla fine si precludono anche per dire una banalità di poter apprezzare il futurismo che come tutte le correnti artistiche qualche cosa di bello l'avrà ( per la cronaca esiste anche il futurismo sovietico) .... io sono per la libera fruizione del sapere senza muri ideologici e materiali Carta - verbo - rete ( nel nostro cervello) tutto deve entrare poi ovviamnete sta a noi codificare e analizzare e di conseguenza digerire ciò che si reputa giusto.... ovviamente bisogna avere le capacità mentali per poter capire al meglio e questo avviene solo attraverso la cultura ... che avvenga tramite libri, rete, o video non importa anzi credo che la cosa migliore sia apprendere da tutti e tre in maniera costante e ossessiva... poi penso che sia palese il fatto che se voglio approfondire una matreria non lo farò certo in internet...

    RispondiElimina
  57. Claudio VdA io mi chiedo se tu per candore non abbia capito la sottigliezza del blog o io sono troppo oltre ...e comunque la tua risposta non fa altro che confermare la mia tesi ossia che detesto l'elite sinistroide ancora dietro a vecchi schemi intellettuali, credo che poi alla fine siano i veri conservatori rannicchiati e barricati dentro un confine di sapere che credono sia solo loro..quando poi alla fine si precludono anche per dire una banalità di poter apprezzare il futurismo che come tutte le correnti artistiche qualche cosa di bello l'avrà ( per la cronaca esiste anche il futurismo sovietico) .... io sono per la libera fruizione del sapere senza muri ideologici e materiali Carta - verbo - rete ( nel nostro cervello) tutto deve entrare poi ovviamnete sta a noi codificare e analizzare e di conseguenza digerire ciò che si reputa giusto.... ovviamente bisogna avere le capacità mentali per poter capire al meglio e questo avviene solo attraverso la cultura ... che avvenga tramite libri, rete, o video non importa anzi credo che la cosa migliore sia apprendere da tutti e tre in maniera costante e ossessiva... poi penso che sia palese il fatto che se voglio approfondire una matreria non lo farò certo in internet...

    RispondiElimina
  58. @exploitation movie, toglimi una curiosità: la tua è una strategia volta a marcare una presa di distanza dall'élite intellettual-sinistroide-borghese, oppure hai una questione personale in sospeso con l'ortografia (che so, un punto fermo una volta ti ha rigato la macchina nuova al parcheggio, o una maiuscola è uscita tre mesi con te senza dartela per poi mettersi col tuo migliore amico)?

    tibi

    RispondiElimina
  59. a me sorprendono tutti i commenti in cui si pone l'accento sul parlamentare M5S, che è l'oggi, quello sui quotidiani, ok, ma che appunto è solo specchio di come ci si avvicini all'informazione, quali capacità di discernimento si abbiano e - soprattutto - quanta FATICA si sia disposti a fare per conoscere.

    Attivissimo è un debunker e sinceramente meno male che esistono i debunker, così risparmiano a me pigra utente di internet almeno un po' di lavoro e fatica. non offrono verità, sfrondano panzane.

    un po' è paura l'andare sulla soluzione più semplice, un po' è appunto pigrizia. il problema è che io sono più vecchia di Leonardo e quindi come lui ho imparato a studiare sui libri, dove comunque tu parti in alto a sinistra e finisci in fondo a destra a leggere, quindi ti crei una struttura mentale di un certo tipo.
    la rete (lo sappiamo tutti) è un ipertesto, è orizzontale, si fa fatica ad estrapolare i contenuti importanti dagli altri.
    non è a caso che il parlamentare sia un ragazzo di 24 anni.

    e quindi poi a me sorge una domanda: prof Leonardo, che possiamo/potete fare da adulti educatori?

    dory

    RispondiElimina
  60. Leonardo, in questa tua come al solito ottima analisi, avrebbe trovato perfetta collocazione la vicenda OVO e realtiva storia.
    Un progetto di videoenciclopedia nella quale ciascuna voce è ridotta (mai termine fu più adeguato) dentro una clip video di 3 minuti, con non poche curiosità nell'elenco dei nomi dei suoi inventori e che a un certo punto subì uno stallo.
    Prima di lasciare questo commento ne ho verificato la situazione scoprendo che ha ripreso la strada ed è on line.
    Non ti metto link, tanto basta una ricerca in google, ti estraggo solo un passo di un'intervista rilasciata da Andrea Pezzi, volto mediatico dell'operazione:
    "Per esempio, negli ultimi giorni abbiamo aggiunto alcune voci sull'energia e in tre minuti spieghiamo come viene prodotta, stoccata e distribuita, oltre all'impatto delle diverse fonti sull'ambiente. E all'interno di ciascuno di questi mini-documentari collochiamo l'equivalente di 300 lemmi enciclopedici".
    Per avere ulteriori dati su come questo progetto avrebbe spazio dentro questa tua analisi, prova ad andare a vedere com'è e segui i link fino alla voce "condottieri e rivoluzionari", tanto sono due clik dalla home e, come da mission aziendale, non più di 5 minuti tra navigazione e fruizione.

    A margine, i complimenti non possono andare solo alle tue analisi senza passare anche attraverso la qualità dei tuoi commentatori (al netto dei miei, ovvio), davvero un piacere da leggere almeno quanto i post che li accolgono.
    C'hai pure il grillino intelligente capace di farsi bastone tra le più che solide ruote del paradosso e chiunque bazzichi la rete per più di 5 minuti al giorno sa quanto sia raro incontrarne.

    RispondiElimina
  61. Su Zeitgeist non si parla di microchip

    RispondiElimina
  62. sìsìsì, io comunque tra un paolo b che parla di chip sottocutanei perché si è bevuto il cervello ed un giovanardi che parla di bombe su ustica ecc. perché è in mala fede... bah mi dispiace, ma preferirò sempre il primo.

    RispondiElimina
  63. Tutto va preso con le molle... in zeitgeinst ho trovato molti spunti interessanti ma convengo che spesso si trovano affermazioni grossolane ..la versione successiva (Moving forward ) la trovo più verosimile...e cmq un modello di vita che sfrutti le tecnologie e preservi l'ambiente a vantaggio del benessere dell' uomo messo "al centro dell' universo" è auspicabile e dovrebbe essere la priorità della politica

    RispondiElimina
  64. @tibi..... Che spiritosone ..... tu si che sei un uomo di cultura borghese elitaria che cura le maiuscole anche in un post scritto di getto che ha tutta l'aria di essere una conversazione orale..... comunque contento tu contenti tutti voglio dire

    RispondiElimina
  65. @exploitation movie, ti sbagli, l'ortografia non è elitaria, o almeno non dovrebbe esserlo: dovrebbero insegnartela, gratis, alle elementari (a me per esempio l'insegnarono: no, non era una scuola d'élite).
    Né vale il discorso c'ho prescia, c'ho 'a tastiera che numme da l'accenti: a mettere tre/quattro/cinque punti ci metti più tempo che a metterne uno.
    E' che fa tanto popolano pasoliniano 2.0, l'ortografia è robba da kasta, etc.
    E' l'ignoranza esibita come tratto distintivo.

    tibi

    RispondiElimina
  66. Rispondo volentieri a exploitation movie che mi ha accusato di essere un intellettuale di sinistra.
    Di sinistra lo sono da parecchi anni, un socialdemocratico favorevole alla repubblica federale europea per la precisione, sostenitore del welfare state, dello sviluppo sostenibile e dell'integrazione multiculturale, quindi direi che se mi definisci "di sinistra" ci hai azzeccato.
    Un intellettuale... magari! Quando qualcuno mi definisce "intellettuale" lo prendo per un complimento.

    Se però per te un intellettuale di sinistra è qualcosa da disprezzare, allora credo che non ci intenderemo mai, mi dispiace.

    RispondiElimina
  67. A conferma di quanto sostieni c'è pure quanto scriveva la capogruppo alla Camera dei 5* sul suo blog "La prima esperienza fu una 6giorni6 chiusa dalle 16.00 alle 23.00 dentro il Palalottomatica durante il tour Reset di Grillo.... ed io passavo giornate intere a cercare di deprogrammare la formazione che avevo avuto fino a quel momento dai canali ufficiali di regime."
    http://robertalombardi.wordpress.com/info/

    RispondiElimina
  68. Internet e la verità rivelata! Io per la verità sono sempre un po'in bilico tra il cercare di interagire consigliando pazientemente metodi più scentifici di controllo delle fonti e, gettare la spugna. Però, quando ho deciso di gettare la spugna arriva un post così che mi fa cambiare idea. Condivido ogni concetto ed è una tale rarità! Ma è dura ragazzi, sono arrivata a mettere in dubbio la mia indole democratica, chè mica son più tanto sicura che tutti ma proprio tutti debbano averlo, questo sacrosanto diritto di parlare!

    RispondiElimina
  69. Dell'Information Overload, della grande quantità di informazioni di cui la rete ci sommerge ottundendo la nostra capacità di vagliarle, Zeitgeist è solo un esempio fra tanti, almeno in relazione allo pseudo-pensiero complottista. Georg Simmel, ben prima dell'avvento dell'era informatica, descrisse questo fenomeno col concetto di Spirito Oggettivo, ma anche Ortega y Gasset nella Ribellione delle Masse ci parla di un tipo d'uomo non dissimile dal fruitore inconsapevole di prodotti come Zeitgeist, un invasore verticale che esce dalla botola della Storia ignorandola totalmente. Tuttavia in Zeitgeist non c'è solo una pericolosa guerra al sapere scientifico, ma un altrettanto pericolosa esaltazione della tecnica come soluzione di tutti i problemi che è figlia dello scientismo.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).