sabato 29 agosto 2015

Gesù è in semifinale

Benvenuti al primo appuntamento di oggi con La grande gara degli spunti! Diamo un'occhiata al primo semifinalista. Ha prevalso a fatica contro Ziggy Stardust, ha fatto la festa a Capodanno, ha espugnato Fiume, viene da 2000 anni di successi ininterrotti, un applauso per il nostro amico Gesù!

Abstract
Un tizio un po' deluso della vita scopre che gli è stata rubata la carriera da rockstar: un tale David Bowie è venuto dal futuro e ha pubblicato tutte le sue canzoni prima che a lui venissero in mente. Per rimediare al guaio sale sulla macchina del tempo dell'impostore, ma combina un casino coi comandi e viene proiettato nel primo secolo avanti Cristo. Lui di Cristo non è che s'intenda molto, ma le sevizie inflittegli in un collegio cattolico gli hanno lasciato il segno: decide pertanto di cambiare il corso della Storia e intercettare Gesù prima che diventi un capo spirituale. Se David Bowie può cambiare il corso degli eventi, perché lui no? In realtà gli eventi gli stanno preparando una terribile sorpresa. Quando chiede a Erode se per caso è nato a Betlemme un bambino sotto una certa stella, il re fa uccidere tutti i nati a Betlemme. Quando chiede al Battista se ha visto il Messia, quello pensa che sia un messaggio in codice degli esseni e gli invia i suoi discepoli - insomma, qualsiasi cosa faccia il tizio, la gente si convince sempre di più che il Cristo è lui. L'unico a cui riesce a spiegare la sua situazione è Giuda, ma anche con lui sono frequenti gli equivoci...



Neanche un centimetro quadro
di non nostalgia per Karel Thole
Sembra interessante. Dove si possono recuperare altri frammenti della storia?
Gesù è il mio crononauta
La vita segreta di Ziggy Stardust
Lo spaziotempo in aramaico
Il mondo dei non-ancora-nati

Quando mi è venuta in mente?
La premessa su Bowie è di uno o due anni fa. La storia su Gesù l'ho improvvisata all'ultimo momento perché volevo fare un derby sui viaggi nel tempo.

Quanto è originale?
Pochino. Come mi hanno fatto notare i miei scelti lettori, c'è un premio Nebula del '66 che racconta una storia veramente molto simile. Io ovviamente la farei molto più farsesca, però è difficile trovare originalità nei dintorni del Vangelo.

Potenziale commerciale?
In teoria potrebbe funzionare. Cristo tira sempre, guarda Carrère. Ma non credo di avere l'approccio giusto - non mi pubblicano le storie dei Santi, figurati un romanzo dove si decostruisce Gesù di Nazareth.

Che senso avrebbe?
Mah, decostruire i monumenti storici è sempre utile. L'idea portante è che in realtà non sappiamo niente di Gesù, e qualsiasi cosa abbia detto potrebbe avere significati diversi a seconda di un contesto che in realtà ignoriamo. Ad esempio, "se un occhio ti scandalizza cavatelo" può significare che non devi guardare le donne, oppure che se le donne ti danno fastidio il problema è nei tuoi occhi, non nel loro abbigliamento. A ogni epoca ovviamente piace capire una cosa diversa. Niente di così originale, ma è un chiodo su cui non si batte mai abbastanza.

Mi farò dei nemici?
La mamma. Qualche sentinella in piedi. Direi che se proprio devo farmi dei nemici, sono i meno pericolosi in assoluto. Al massimo le sentinelle mi si piantano nel cortile. La mamma non smetterebbe nemmeno di farmi le torte.

Con Maometto non la passeresti così liscia.
Già. Ma il sequel di Houellebecq l'hanno cassato, amen.

Cosa dovrei studiare?
Rileggermi i vangeli, un'occhiata a Giuseppe Flavio, qualche studio serio sulla Giudea del I secolo (avete consigli?) e i testi di Bowie. In tre mesi si fa.

Dimensioni?
Duecento cartelle (250 se ci metto anche Bowie).

Eventuali sequel?
Apostoli: non ne resterà che uno!

Contro chi gioca in semifinale?
Contro i Catari.

Per chi tifo?
Barabba.

19 commenti:

  1. wow, bello il modo in cui sei riuscito a reintrodurre uno spunto che era stato eliminato.

    E se questa in realtà fosse una trasmissione che arriva dal pianeta dei procioni?

    https://lh3.googleusercontent.com/-1QSyvfZze4g/VeGyq4PUz5I/AAAAAAAAFw8/pbfeTS35HwY/w188-h251-no/2015-08-29.jpg

    RispondiElimina
  2. Sono stato molto indeciso questa volta, ma alla fine per me deve vincere Gesù.

    RispondiElimina
  3. vergogna, gli smidollati lettori di questo blog preferiscono porgere l'altra guancia (Gesù) a conficcare una baionetta nel corpo del nemico (Fiume), viva gli eretici catari e abbasso l'educazione cattolica che come si vede continua a fare danni alla vita culturale di questo paese.

    RispondiElimina
  4. Ha il mio voto, mi sono appassionata alle disgrazie di questo sfigatissimo Gesù.
    p.s. bentornato Ziggy!

    RispondiElimina
  5. w gesù procione! (anche se tanto perderà lo stesso)

    RispondiElimina
  6. Non ci credo che questo ha battuto Fiume

    RispondiElimina
  7. 1 Voto per Gesù.
    Speravo di poterlo mollare, anche perché è dal primo turno che lo voto solo perché c'era qualcosa che mi infastidiva nel suo avversario. Invece anche stavolta ho cambiato idea all'ultimo istante. Gesù mi ha confessato che perfino per lui la battaglia è diventata difficile, ma confida molto in un intervento paterno e in Facebook.
    Inoltre Gesù ha fatto il seguente ragionamento. È vera la faccenda di "I.N.R.I." ed è vero che di me si parla già da duemila anni, ma è anche vero che le vie della letteratura sono infinite. Inoltre anche quei noiosi Catari, mi ha detto Gesù, alla fin fine sono solo una delle tante varianti del giochino delle contrapposte massonerie e/o una parodia sul tema. Infine, ha detto Gesù, io sono sempre interessante e divertente.
    Diglielo a quel fannullone di Leonardo, mi ha detto Gesù, che Io lo farò pescatore di lettori.
    Questo mi ha detto Gesù e questo riferisco.

    RispondiElimina
  8. voto gesù, ma anche i catari è uno spunto molto bello.
    però gesù è sempre gesù

    RispondiElimina
  9. Voto Gesù, ma solo se ci metti anche Bowie all'inizio.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).