giovedì 25 agosto 2016

La favola del ladro di bambini (e chi ve la racconta)

Con gli anni se uno ha un po' di memoria selettiva riesce anche a imparare qualcosa: per esempio i sequestri di bambini non si improvvisano. Quando un genitore denuncia una persona per tentato sequestro - di solito è un ambulante irregolare o un mendicante che gli ha sfiorato il bambino - il caso si sgonfia regolarmente entro pochi giorni. Un sequestro di persona è un'operazione complessa che richiede una rete di complici e un'organizzazione radicata in un territorio, o come minimo un automezzo. Se non c'è un automezzo è abbastanza chiaro che nessuno sperava di portarsi via davvero un bambino - senza un automezzo neanche i genitori riescono a portarsi via i propri bambini, figurarsi uno sconosciuto.

Per cui ogni volta che in tv sento dire che un genitore ha denunciato una persona appiedata per tentato sequestro, so che qualcuno sta giocando sporco. Non il genitore, che probabilmente si è davvero spaventato e reagisce, per così dire, a uno stimolo pre-razionale, che è lo stesso che fa mostrare i denti a qualsiasi animale che stia scortando il suo cucciolo. Neanche le forze dell'ordine, che se il genitore fa una denuncia non possono che recepirla. Ma i giornalisti? Quelli che montano la notizia e l'accostano all'"invasione" dei migranti? Cronisti che queste cose le hanno già viste e conoscono la casistica meglio di me, possono invocare la buona fede dopo aver sbattuto il mostro in prima pagina?

Ieri Filippo Facci ha spiegato che "la storia dell’indiano che rapisce la bambina va completamente azzerata: le polemiche e gli articoli che sono stati scritti – compreso uno su Libero, a cura dello scrivente – erano basati su informazioni insufficienti per quanto fossero le uniche disponibili". Ora che invece le informazioni ci sono, Facci può spiegarci per filo e per segno la storia di Ram Lubhaya che, puntualizza, "è indiano (come gli zingari sinti) e questa è la sola cosa che lo avvicina al pubblico immaginario del rapitore di bambini". I sinti italiani sono "indiani" come Facci è "ostrogoto", e non rapiscono i bambini, ma questo non è nemmeno il punto.

Qualche giorno fa stavo guardando Studio Aperto, dovrei darci un'occhiata più spesso anche se non mi fa stare bene. All'improvviso tra le brevi di cronaca piomba questo scoop: su una spiaggia siciliana sembrava aver preso forma l'incubo di ogni genitore; uno straniero, un indiano aveva cercato di rapire un bambino! Subito dopo, un servizio sui migranti, ripresi dietro a qualche recinto. Subito dopo, un comunicato dell'Isis che nessun altro si è filato, preso direttamente da youtube, in cui l'Isis chiede a tutti i suoi sostenitori di attaccare l'Italia (la scritta ITALY enorme in sovraimpressione su vaghe immagini di jihad). È stato un momento incredibile per uno che da ragazzino ha letto 1984 pensando vabbe', questa almeno l'abbiamo scampata. E invece guarda che dieci minuti di odio ti organizza Studio Aperto. L'indiano che rapisce i bambini, i migranti che c'invadono, l'Isis che ci bombarda. Quanta gente guarda Studio Aperto tutti i giorni? Molto più di quelli che leggono Libero, e che magari dopo aver bevuto per tre giorni la fola del rapitore di bambini, saranno disposti anche a leggersi il pezzo in cui Facci si scusa, sapete com'è, avevamo "informazioni insufficienti" e quindi ci è scappato di inventarci un mostro.

Che poi è un'ulteriore fola, perché Facci il suo mestiere lo conosce e non c'è verso che possa essersi bevuto, nemmeno per un istante, il bibitone che ha somministrato ai suoi lettori. Se le "informazioni insufficienti" erano quelle che abbiamo sentito tutti, ovvero due genitori che denunciano un ambulante abusivo indiano per tentato sequestro di bambino, tu sai già che non c'è automezzo, non c'è organizzazione, non c'è niente. Tu lo sai ma devi lo stesso spremere un po' di odio per il bibitone. Ai lettori puoi sempre chiedere scusa tre giorni dopo. Se ti fa star meglio con te stesso.

4 commenti:

  1. Da anni va in scena una campagna di disinformazione; alcuni lo fanno per motivi politici (Mediaset) mentre altri solo per vendere un po' di più (die Bild Zeitung) e siccome funziona, si va avanti.
    Poi ci si meraviglia che dopo anni di 'piove, migranti ladri, Europa ladra' i britannici votino per alzare un nuovo steccato, salvo poi aprire una petizione su Facebook per dire che scherzavano.

    RispondiElimina
  2. infatti, ai britannici (e a maggior ragione agli italiani) andrebbe sempre ricordato di pensare bene a quello che chiedono, perché potrebbero ottenerlo, anzi (i britannici) l'hanno già ottenuto...
    vogliamo meno immigrati? meno rispetto a cosa? vogliamo uscire dall'euro e svalutare finalmente la nuova moneta?
    e via così...

    RispondiElimina
  3. Io non leggo Libero, né guardo Studio Aperto, leggo però spesso il suo blog. Inizio a chiedermi sempre più spesso quale sia il target di lettori a cui immagina di rivolgersi. Sbeffeggiare, confutare e smentire gli articoli di figuri come Facci (o Gramellini, o Rondolino) può essere interessante come esempio paradigmatico, ma lei sembra dedicarcisi con una costanza diversa. La prego di credere che non c'è intento polemico, ma mi saprebbe dire perchè ? Avversari migliori non ce ne sono o non ne cerca ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che ragionare su un target preciso (se sapessi farlo probabilmente ne avrei fatto un mestiere) io cerco di trovare dei buchi e mi ci infilo. È una pratica istintiva: leggo cose, ci ragiono, quando mi viene un'idea che non trovo ancora scritta da nessuna parte la scrivo io.

      Penso che i giornalisti abbiano una grande responsabilità sul modo in cui il pubblico si forma le proprie idee: in un momento in cui vedo molti dare addosso al pubblico, preferisco concentrarmi su gli operatori del settore, che essendo professionisti, ed esperti, hanno un'oggettiva responsabilità. Non m'interessa dare dell'ignorante al cittadino qualunque che si è convinto che in giro ci sono migranti pro-isis che sequestrano i bambini; non ci trovo gusto a prendermela con gente che è meno informata di me; magari lavorano di più e hanno meno tempo per farsi un'idea complessiva; o non hanno avuto le opportunità di studiare il mondo che ho avuto io senza necessariamente meritarmele. Ma Facci, Gramellini, Rondolino, sono persone che hanno studiato, che sanno come gira il mondo, e che potrebbero contribuire a farlo girare un po' meglio.

      Elimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).