venerdì 5 aprile 2019

Ma se invece fosse un asessuale

Naturalmente, ora che il PR del suo partito ha venduto gli scatti intimi all'industria del gossip, tutti stiamo cominciando a pensare davvero che il vicepresidente del consiglio dei ministri sia gay (sarebbe un problema?) represso (sarebbe un problema). Un outing talmente maldestro che fa venire il sospetto che sia architettato: mettiamo in scena una tua relazione etero così la gente comincerà a pensare che non sei etero, ma allo stesso tempo rifiuti la militanza lgbt, diabolico Casalino. Oppure?


Oppure potrebbe essere un asessuale. Perché esistono anche loro, e sono tra noi: persone scarsamente o punto attratte da persone di qualsiasi sesso. Il che non significa che non ne facciano, ma insomma, non lo considerano una priorità. Il vicepresidente potrebbe essere uno di loro. E sarebbe un problema, perché l'asessualità, quella sì, è davvero un tabù. Piuttosto di confessare di non avere una vita sessuale, un politico oggi potrebbe sentirsi costretto a fingere di avere una relazione, in modo così smaccato da suggerire al pubblica una doppia torbida vita sessuale che ci allontani ancor più dal pensiero che invece al vicepresidente il sesso più di tanto non interessi – potremmo mai fidarci di un politico sulla trentina senza appetiti sessuali? Più facile fidarsi di Casalino, diabolico Casalino.

1 commento:

  1. macché casalino.

    ...è che quando ti ritrovi un po' in alto nella gerarchia (io so' un po' anziano e penso a brunetta, per dire) dell'orda ti avvicina un sacco di gente, con fini diversi e non sempre chiari. e, diceva una signora bonazza che conoscevo (mai in senso biblico, purtroppo) qualche anno fa, "te la stanno sempre a chiede', come fai a dire solo no".

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi. Se è una sciocchezza posso cancellarla.