domenica 11 ottobre 2020

Ci fece un cenno dai vetri e fu tutto

Noi leggevamo un giorno per diletto,
noi leggevamo un giorno sul diretto,
soli eravamo e senza alcun sospetto,
sordi eravamo e senza alcun cornetto,
stolti eravamo e senza alcun concetto,
saliti a Teramo senza biglietto,
senza burro né strutto,
né pancetta né prosciutto.

Morti eravamo, senza alcun costrutto.
Sola, la morte, in sala d’aspetto,
era una morte di modesto aspetto,
povera morte senza doppiopetto,
ci fece un cenno dai vetri e fu tutto. 

(Nell'anno di Gianni Rodari, ricordarsi di questa pubblicata sul "Caffè" che comincia come una filastrocca scema da ginnasiali e poi sembra che diventi sempre più scema e invece all'improvviso si impenna e con quel "cenno dai vetri" sorpassa Montale sul filo).

2 commenti:

  1. Ti segnalo un refuso, non è una 'notte di modesto aspetto', il verso corretto è 'era una morte di modesto aspetto'.
    cfr https://storygenius.it/2020/06/08/vanessa-roghi-rodari-e-per-tutti/

    RispondiElimina
  2. Grazie, non capisco come mi sia sfuggita, per me è sempre stata la Morte di modesto aspetto

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi. Se è una sciocchezza posso cancellarla.