lunedì 12 ottobre 2020

Nell'immensità di un rebus

È tutto un complesso di cose – l'autunno, spotify, gli incentivi turistici della regione Piemonte – che ha fatto sì che mi sia riaccostato a Paolo Conte, dopo anni di colpevole snobberia. E ora che grazie allo streaming posso riascoltarlo tutto in fila, mi capita quel che mi è già successo con altri maestri: lo spettacolo di un'intera carriera artistica è irresistibile, dopo un po' ci si innamora e basta. I primi album ascoltati anni fa su una cassettina mi erano sembrati acerbi, ora li trovo geniali e necessari. Gli ultimi che presi a nolo mi parevano ridondanti, ora invece mi suonano perfetti, insomma Paolo Conte è un genio, grazie tante, lo sapevate già, lo sapevo anch'io ma per molto tempo non mi è interessato saperlo. Ma non parlo di lui, io parlo d'altro. 


Parlo di me. Quel che mi lascia davvero incredulo, è il ricordo che ritrovo tra i solchi, del me stesso che cercava di farsi piacere Paolo Conte milioni di anni fa. No, sul serio: ero un ragazzino. Ho ricordi precisi della gita scolastica in Baviera, io che con un certo imbarazzo vado a chiedere in prestito a un ragazzo di quinta la cassettina di Aguaplano da ascoltare con un walkman, ma perché. Cosa poteva dirmi Aguaplano a sedici anni, siamo seri, con tutta la musica che c'era in giro come potevo davvero interessarmi alle vicissitudini di un avvocato di Asti rimasto bloccato in un mondo tutto suo, una specie di solaio pieno di buone cose di gusto tutt'altro che pessimo, tutta una poetica propedeutica a un dignitoso invecchiare in provincia – e dieci minuti prima stavo ascoltando, boh, Disintegration? Out of Time? Non ha senso. Non ha nessun senso. E almeno fossi stato il solo, ma no, eravamo un bel gruppetto – sui sedili posteriori, questi ragazzi di quinta si erano messi a intonare Genova per Noi, così, per il gusto di farlo, lo scrivo qua sopra perché faccio fatica a crederci. Te li immagini i giovani d'oggi ad ascoltare Paolo Conte? E forse dovrebbero, voglio dire, non è che in giro ci sia un granché di più interessante. Né suona più datato di quanto non suonasse già allora. Ma davvero, salvo un Best of in vinile tutto il mio Conte di liceale sta in cassette registrate, come i Pink Floyd e i RHCP. Non era roba che ascoltavo io. Era quello che ascoltavamo in giro. 

Ecco, questo a distanza d'anni mi lascia perplesso più di ogni altra cosa. Cioè io mentre facevo le versioncine o cercavo di capire gli integrali ascoltavo Gli impermeabili, e sul serio pensavo di apprezzarla? Come facevo a capire versi come "Sono venuto a suonare e di nascosto a ballare"? Come facevo a commuovermi per l'"ultima donna", o per quella che avrebbe potuto entrare nella mia vita con una valigia di perplessità? Chi era Duke Ellington per me? è possibile che lo credessi davvero un grande boxeur. Che ne sapevo del mondo adulto in cui si sbaglia da professionisti? Son tutte cose che forse comincio a capire adesso, e son trent'anni – un rebus.

Oppure appunto un rebus, intravisto su una Settimana Enigmistica che mio padre lasciava sul tavolo della cucina con gli spaghetti da riscaldare, ma arrivavo che erano le due e li mandavo giù freddi, e i rebus quasi mai li risolvevo, ma quella Settimana avrebbe potuto essere di dieci, venti, trent'anni prima, e i disegni sarebbero stati uguali, e nulla mi avrebbe mai fatto del male. E nella pagina delle barzellette, per rinfrancare lo spirito tra un enigma e l'altro, avrei trovato uomini di mezza età con velleità galanti, a volte naufraghi su isole deserte con palme e bambù, luoghi pieni di virtù: e nulla sarebbe mai cambiato (e nulla mi sarebbe mai costato). 

9 commenti:

  1. Sono un po'scarso...la seconda parola è rebus, ma la prima?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. potrebbe essere "Contenente", perché nel disegno con il cane a sei zampe c'è scritto "Nazionale Idrocarburi" e manca appunto ente. Però non mi piace.

      Elimina
  2. Mi permetto di dissentire: quella non è la Settimana Enigmistica, è uno degli "innumerevoli tentativi di imitazione" (cit.). La grafica è diversa e il rebus troppo scarso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una rapida ricerca mi fa trovare il video (immagino ufficiale) di Maracas, https://ukposts.info/have/paolo-conte-maracas/ol2lpmeDjIdmtHU.html , dove a 2'42" si vede che una persona sta leggendo Nuova Enigmistica Tascabile e a 3'04" si vede il rebus in questione. Non ho idea se il tutto sia stato assemblato apposta per il video, oppure sia davvero apparso.

      Elimina
    2. Grazie del link. I video delle canzoni di Conte in genere non sono all'altezza della musica, direi che lo stesso vale per questo. Però la trovata delle lettere che accompagnano le immagini video mi ha divertito...

      Elimina
  3. Saluti....

    Dai un'occhiata a queste carte di credito oggi.
    Il mio nome è Jamie West di Denver. Un imprenditore e padre di successo. Ho una di queste carte di credito già programmate che mi permette di prelevare un massimo di 7,500 € al giorno per 30 giorni. Sono così felice di queste carte perché ho ricevuto la mia la scorsa settimana e l'ho già usata per ottenere € 45,000. Il signor Frank Carlos di Email: atmgeniuslinks@gmail.com sta distribuendo queste carte per supportare le persone in qualsiasi tipo di problema finanziario. Devo essere sincero con te, quando ho visto l'annuncio, ho creduto che fosse illegale e una bufala, ma quando ho contattato il signor Frank Carlos, mi ha confermato che sebbene sia illegale, nessuno viene scoperto mentre usa queste carte perché hanno stato programmato per disabilitare ogni comunicazione una volta inserita in un qualsiasi sportello automatico (ATM). Se interessati contattatelo il prima possibile Email: atmgeniuslinks@gmail.com

    WhatsApp: + 1-781-656-7138.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi. Se è una sciocchezza posso cancellarla.