giovedì 12 gennaio 2006

- perbenisti di tutto il mondo, unitevi

Il Partito Perbene (e chi lo paga)

Ma avete fatto bene a dirlo, che siete un Partito di Gente Perbene. Perché è giusto che la gente lo sappia.
Che non si giudica un partito da un'OPA irregolare dettata al telefono. Un partito lo giudichi dal carisma, dall'altruismo, dalla fantasia.
Prendi D'Alema, per esempio. Lui, i suoi finanziamenti li raccoglie fuori dal partito. I politici perbene le cose le fanno così. Può contare sulla Fondazione Italianieuropei, da lui presieduta, credo, sin dalla sua creazione (nel 1998; Giuliano Amato è il Presidente del Comitato Scientifico).

La Fondazione Italianieuropei è "un luogo di incontro tra le diverse tradizioni culturali del riformismo italiano, per contribuire alla vita politica con soluzioni di governo adeguate al nuovo scenario mondiale attraversato da potenti correnti di innovazione di cui l’Italia è stabilmente partecipe". Non vi sembra un progetto Perbene?

Ma, naturalmente, per fornire un luogo d'incontro alle diverse tradizioni culturali del riformismo italiano, servono delle strutture. Sale riunioni capienti da noleggiare – e il catering, non scordiamoci del catering! perché forse nulla accomuna le diverse tradizioni culturali del riformismo italiano come quel certo languorino allo stomaco che ti assale dopo un paio d'ore di convegno sulle privatizzazioni.
In breve, servono danari. Come dappertutto.
Ma non c'è problema, gli Italianieuropei sono gente Perbene, che si fa finanziare alla luce del sole. La lista dei Soci benemeriti è pubblicata sul sito. Un po' in piccolo, è vero, in grigio su sfondo bianco, ma c'è.
Tra i Soci benemeriti della Fondazione figurano esponenti del mondo imprenditoriale come, tra gli altri, Guidalberto Guidi, Gianni Agnelli, Francesco Micheli, Vittorio Merloni, Claudio Cavazza, Carlo De Benedetti, Gianfranco Dioguardi e Paolo Marzotto insieme ad aziende quali Pirelli, Gruppo Marchini, Philip Morris, Glaxo Wellcome, Pharmacia & UpJohn, Lega delle Cooperative, ABB ed Ericcson.
La pagina spiega anche cosa significa essere Soci benemeriti. Significa scucire per gli ItalianiEuropei, almeno cinquanta milioni di vecchie lire. Che per la Lega delle Coop o per Philip Morris sono ben poca cosa, intendiamoci. Ma anche con queste poche cose si può fare tanto, per il riformismo italiano.

Vi chiederete: come mai di questa storia non se ne parla? Ma perché tutto questo è assolutamente legale, trasparente e alla luce del sole. In un mondo di torbidi contatti tra Economia e Potere, possiamo dire che D'Alema ci mostra la via per entrare nel Terzo Millennio: fundraising puro, all'americana. In confronto Berlusconi ci fa una figura anni '60: il tycoon prestato alla finanza… roba da Kennedy, da Rockfeller. Pussa via.

Gli unici che si siano mai preoccupati di questa storia sono quegli svitati di Indymedia. Tre anni fa. A quei tempi scoppiò uno scandalo su un colosso farmaceutico che corruppe 3000 medici solo in Italia. Ve ne ricordate? No. Nessuno se ne ricorda. Strano. Beh, lo stesso colosso farmaceutico finanziava già da allora gli ItalianiEuropei. Qualcuno lo scrisse su Indymedia. Io andai a vedere e ci scrissi un pezzo. Poi, più nulla. Lo ammetto, ogni tanto andavo a controllare. Mi aspettavo che D'Alema o chi per lui togliesse dalla pagina dei Soci Benemeriti il nome del Colosso farmaceutico in questione. E mi sbagliavo. Perché D'Alema è una persona perbene, che non abbandona i suoi Soci Benemeriti nelle difficoltà.

Come quel colosso del tabacco, anche lui con tante grane legali in tutto il mondo… È curioso, ma ora che ci penso, il governo che ha inasprito sensibilmente la legislazione antifumo in Italia non è stato quello presieduto da D'Alema. È stato un altro. Per avere una legislazione antifumo che l'Europa ci ammira, abbiamo dovuto aspettare che D'Alema (e Amato) si schiodassero da Palazzo Chigi. Magari è solo una coincidenza – figurati se un colosso del tabacco non finanzia in parti uguali tutti i contendenti, in America si fa così – e poi, andiamo: D'Alema è una persona Perbene. E le persone Perbene, queste cose, non le fanno. Non le pensano. Già pensarle, significa non essere più tanto Perbene.

E poi se la prendono perché c'ha la barca – è una cosa che mi fa incazzare. Che provinciali, Dio. Finalmente abbiamo un politico che sa fare fundraising, che prende soldi puliti da Glaxo, Philip Morris, Pharmacia & UpJohn, Legacoop, Ericcson… ma voi ve la prendete perché c'ha la barca. Giurassici, siete. E per niente Perbene.

13 commenti:

  1. perdonami è...ma...ci credi veramente in quello che dici? No dai...magari è un miraggio...abbiamo scherzato...si dai...adesso passa tutto....

    RispondiElimina
  2. non a quel che dico, credi a quel che linco.

    RispondiElimina
  3. Nel 2000 lavoravo nel settore brevetti e voi non vi rendete conto di quanta merce scadente fu fatta ingoiare agli ospedali dal ministero della sanità del governo Berlusconi del '94.

    Migliaia di tonnellatte di guanti dalla Malesia a 40 volte il prezzo di mercato, viti per ortopedia in tutte le cliniche pubbliche con contratti più duraturi possibili...

    La cuccagna. C'è gente di 30 anni che in quei pochi mesi fece miliardi e smise di lavorare.

    RispondiElimina
  4. Ma ci sono anche Vincenzo Visco, Antonio Landolfi, Massimo Cacciari, Domenico Siniscalco .. è in buona compagnia. Mi sono sempre chiesto cosa stesse facendo D'Alema in tutti questi anni ...

    RispondiElimina
  5. beh, medo, è un po' OffTopico ma senza dubbio interessante.
    Ne hai scritto da qualche parte?

    RispondiElimina
  6. Non sono nelle condizioni economiche di scriverne.
    Ho anche una certa paura a farlo, ti dirò.
    Veramente solo uno fu lo scopo di Silvio: assaltare la Cosa Pubblica, trascinare tutto il denaro pubblico possibile nelle casse del suo Impero. Non ultimo il TFR dei lavoratori italiani (miliardi di Euro!) che sarà dato in gestione a Banca Mediolanum e l'imminente acquisto in sordina di Telecom (a meno che De Benedetti non ci metta un "fermino" come sta facendo).
    E' finita. Quello che non si sono portati via i privati con le privatizzazioni del governo di centrosinistra (Telecom ha venduto tutti i suoi immobili a Pirelli Re, sempre di Tronchetti, il quale ora vuole disfarsi del rifiuto telefonico...), se lo sono pappato Silvio e soci.

    Dal '94 ad oggi lo Stato Italiano ha subito danni incalcolabili e irrimediabili. E' ora che si vada in piazza tutti per chiedere un nuovo corso della Repubblica Italiana. A casa tutte le merde e si ricomincia, intanto.

    RispondiElimina
  7. Non è possibile, sapevo di essere uno sciocco borghesuccio che non fa un cazzo dalla mattina alla sera, ma almeno posso iniziare ad informarmi... l'anno prossimo potrò votare, dannazione! (anche se i giochi per questo turno saran già fatti).
    A proposito di questo, avete da consigliarmi qualche mezzo d'informazione? [umile apprendista]

    RispondiElimina
  8. Piacere di conoscerti, scrivi davvero molto bene ;)
    AnziCiao da Anzicioco de IL TOTANO RIFLESSIVO

    RispondiElimina
  9. In momenti come questi uno riesce quasi a capire cosa prova un kamikaze che si fa saltare in mezzo alla folla con lo scopo di ucciderne il più possibile.

    In parlamento, magari.

    RispondiElimina
  10. vorrei dissuadervi da ogni kamicazzata, e invitarvi comunque a votare centrosinistra: sapendo comunque che la politica in questi anni si è finanziata in tanti modi, non tutti belli e non tutti legali (questo per esempio è brutto, ma è legale).

    Riguardo a Elementale, io non saprei cosa consigliare: la verità è che quotidiani ne compro pochi, quelli italiani contengono soprattutto opinioni e quelle preferisco farmene artigianalmente. Secondo me su Internet uno riesce a farsi una rassegna stampa abbastanza funzionale: bisogna rassegnarsi a saltellare di qua e in là e di non fidarsi mai troppo di nessuno. La tv secondo me si può tranquillamente bypassare: nulla di quello che si dice in tv non può essere detto più brevemente in radio o sui giornali. E quando succedono cose in diretta (ad esempio, Berlusconi va ad un programma), nel giro di poche ore internet dà ragguagli precisi.

    RispondiElimina
  11. Gentile autore,

    ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/italia/bl2276.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di libero.it

    Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

    Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

    Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:
    http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

    Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo e-mail: blog.n2k@libero.it

    Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

    LiberoBlog Staff

    RispondiElimina
  12. arg.
    Almeno sostituite "Kissinger" con "Rockfeller".
    (Io qua non posso, il mio accesso a blogger è bloccato da ieri).

    RispondiElimina
  13. Hanno anche un giornale ad uscita bimestrale, la redazione e la lista dei redattori fanno invidia a quella di un quotidiano tipo il Corrierone...Ci credo che un abbonamento come socio benemerito costi 250 euri per cinque numeri... Naturalmente Visco c'è anche lì.. Sicuramente tutto ciò sarà legale ma quanto è morale ???? Sempre che i famosi noti ce l'abbiano ancora una qualsivoglia Morale !!!!

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).