Visita <a href='http://www.liquida.it/' title='Notizie e opinioni dai blog italiani su Liquida'>Liquida</a> e <a href='http://www.liquida.it/widget.liquida/' title='I widget di Liquida per il tuo blog'>Widget</a> Leonardo: Se i bimbominkia sapessero

venerdì 17 settembre 2010

Se i bimbominkia sapessero

Neologismi da salvare (3): bimbominkia

If your parents knew how lame you really were, they would murder in your sleep. (Zappa, Freak out!)

Non c'è alcun bisogno di salvarlo, in effetti: bimbominkia (pl. bimbiminkia) si sta difendendo benissimo da solo. Nato nelle zone più frequentate dagli italiani nel web (msn?) il termine di recente è approdato in tv, e a questo punto ha davvero buone possibilità di sopravvivere nell'uso comune.

Bimbominchia, grosso modo, è un termine spregiativo che indica una persona giovane che occupa il suo posto nella rete (o nel mondo) in modo colpevolmente ingenuo. Spia rilevatrice del bimbominchia è lo sfoggio di k e di abbreviazioni difficili da interpretare. Un altro elemento che espone il bimbominchia al pubblico ludibrio è la sua devozione sconfinata e totalmente acritica nei confronti di tutto ciò che gli piace: la saga fantasy del momento, il cantante in età prepubere, eccetera. Un bimbominchia ad esempio non può limitarsi ad apprezzare Twilight: dovrà adorarlo, andare in crisi di astinenza, cercare succedanei; passare notti all'addiaccio per mettere le mani sul primo volume o sul primo biglietto del cinema di Twilight, trascorrere pomeriggi a difendere disperatamente il buon nome dell'autrice di Twilight in un forum dove la massacrano. Così bimbominchia viene a occupare un campo semantico prossimo a quello dell'inglese “fanboy”: è una parola insomma di cui c'era un effettivo bisogno. Tutto questo lo sapevate già.

Quello che magari non vi era ancora venuto in mente (anche io ci ho messo un po' a capirlo) è il modo in cui il neologismo 'bimbominkia' fotografa il collasso della piramide delle età in Italia. Eh? Daccapo.

Bimbominchia è un dispregiativo gergale, fin qui ci siamo. Nulla di eccezionale. Tutte le generazioni hanno coniato i loro dispregiativi gergali. Di solito nascevano in ambito giovanile e venivano adoperati per bollare gli adulti. Un esempio da manuale (anche per il suo sapore vintage: impossibile usarlo oggi senza autoironia) è “matusa”. I matusa (troncamento di Matusalemme, personaggio biblico dalla venerandissima età) in Lombardia occidentale, erano gli adulti che non capivano i giovani con i blue jeans. In un momento storico in cui i giovani erano all'avanguardia dei consumi, era naturale che fossero anche all'avanguardia nella sperimentazione linguistica.

Quarant'anni dopo, il termine “bimbominkia” si trova in una situazione speculare a quella di “matusa”. I bimbiminchia sono i giovani: a chiamarli così, a inventare il termine, sono stati i meno giovani (diciamo trenta-e-qualcosa). Il peccato originale del “matusa” era l'esser cresciuto, il non saper apprezzare twist e rocchenrol e la rilassatezza dei costumi. Il peccato originale del bimbominchia è l'esser bimbo: non riuscire a scrivere in modo corretto, non padroneggiare il t9 o le dinamiche dei forum, apprezzare libri da preadolescenti. Ma davvero possiamo fargliene una colpa?

Sì, possiamo, perché da vent'anni a questa parte la piramide delle età in Italia si è rovesciata, e oggi i giovani sono minoranza. E, quel che più conta, non sono più all'avanguardia nei consumi: non scoprono più trend, di solito riciclano quelli dei fratelli maggiori o addirittura dei padri. A voltar loro le spalle è addirittura la tv, che nelle fasce orarie una volta dedicate a loro continua a riprogrammare vecchi cartoni animati che i genitori sanno a memoria. Sono circondati da gente che ne sa più di loro e li sfotte. Noi non eravamo così.

La sfiga di essere preadolescente negli anni Dieci: nessuno vuole venderti nulla di più strutturato di un braccialetto in plastica. I CD ormai li comprano solo i vecchi sbabbioni – ai bimbominchia al massimo riesci a piazzare una suoneria, ed è tutto. Se vuoi appassionarti a Lady Gaga, puoi farlo, ma non è come Madonna Ciccone, che alienava completamente tua madre tredicenne dai gusti dei suoi genitori. Una tredicenne di oggi che si accosta a Lady Gaga si trova davanti a riferimenti culturali che sua madre capirà meglio di lei. In effetti stiamo rivendendo gli anni Ottanta in frullati omogeneizzati, sperando che i nostri figli non abbiano bisogno di nient'altro. Poi vengono su un po' fessi e li sfottiamo, ma è un modo per sentirci ancora padroni della situazione. In realtà i bimbominchia sono la generazione meno coccolata dalla fine del dopoguerra. Il modo in cui i media si sono fregati di loro sta tutto in queste due parole: Tokio Hotel. Una banda di preadolescenti tedeschi, praticamente un fondo di magazzino: per tre anni MTV Italia non ha avuto niente di meglio da offrire.

Se i bimbominkia sapessero come li abbiamo presi in giro, ci soffocherebbero nel sonno.

40 commenti:

  1. No. Il termine bimbominchia è nato sui forum, e l'età media è intorno ai 20 anni, non 30 (fino a poco tempo fa i trentenni che frequentavano l'internet di massa -cioè appunto i grandi forum- erano una rarità). E io inquadrerei il termine all'interno del discorso più ampio di "quando eravamo giovani noi eravamo meglio di loro" che è tanto diffuso tra i ventenni (appunto) con tanto di liste dedicate a chi è nato negli '80s "noi che guardavamo sailor moon" "noi che giocavamo col super tele" "col game boy" ecc. Ventenni che si sentono già vecchi (me incluso)

    RispondiElimina
  2. Protesto vivamente per la grafia "bimbominchia", scrivere bimbominkia senza la K è un insulto alla parola!

    RispondiElimina
  3. Triste far parte di una generazione il cui unico vanto è aver sottomesso i bimbiminkia

    RispondiElimina
  4. Preferisco la grafia nonciclopediana, biNbominkia, rende l'idea ancora meglio.

    "Il peccato originale del bimbominchia è l'esser bimbo"

    No. Il peccato originale del bimbominchia è l'esser minchia.

    Mica tutti i ragazzini sono bimbiminchia, diamine.

    L'età è relativa, anzi, più sono giovani e e più li si perdona.

    RispondiElimina
  5. beh, giorgian, siamo onesti però. Noi consideriamo un bimbo non minchia solo quando gli piacciono cantanti morti per overdose dieci anni prima che lui nascesse. Un po' come se noi a 14 anni avessimo ascoltato solo Charlie Parker e schifato i Duran Duran. Raffinatissimi, per carità, ma talmente stronzi che probabilmente ci saremmo bullizati da soli

    RispondiElimina
  6. Deridere i bimbiminkia è dovere di ogni buon cittadino

    RispondiElimina
  7. Quoto [ ; ) ] David.

    Però occhio che la Bimbominkiaggine non è una prerogativa dei ragazzini, direi che è un concetto trasversale, acutizzato poi dal web: ho visto 50 bimbeminkia, ho visto mamme con un fashion blog, ditemi voi se non è bimbominkiaggine questa.
    Io probabilmente sono stata bimbaminkia, ma sono cresciuta e così succederà a molti BM di oggi, il grave problema lo abbiamo quando la strada per l'età adulta diviene direttamente proporzionale alla bimbominkiaggine.

    RispondiElimina
  8. Illuminante analisi, col fenomeno del capovolgimento dello sfottò.
    Ma la domanda è: perchè scrivi bimbominchia col "ch"???

    RispondiElimina
  9. Sai Leonardo sei un fottuto comunista e se fosse legale farlo ti abbatterei con un colpo alla nuca però sai scrivere.

    p.s. E un giorno sarà legale fidati

    RispondiElimina
  10. Il commento sopra il mio fa veramente paura. Non per la violenza, ma per l'ignoranza. SVEGLIA! L'unico comunista rimasto al mondo è Putin!

    RispondiElimina
  11. (Leonardo scrive "bimbominchia" senza K, sennò arriva subito la Soncini e lo cazzia)

    RispondiElimina
  12. in un vecchio post su Noemi eri quasi riuscito a farmi diventare simpatico Berlusca, coi bimbimikia hai fatto centro, complimenti.

    RispondiElimina
  13. Sottolineo come il plurale corretto di bimbominchia sia, con tutta probabilità (come anche nei commenti che mi precedono) bimbiminchia, un po' come capotreno/capitreno.

    Giusto per fare il grammarnazi in sedicesimo.

    RispondiElimina
  14. pardon, hai già editato (cioè, modificato)

    RispondiElimina
  15. A quando un post sul dilagare (solo nella blogsfera, mi pare) di "fottuto" usato come aggettivo?

    RispondiElimina
  16. Grande articolo bravo... ora è da linkare su ispazio ed iphone italia LOL

    RispondiElimina
  17. Posso capire alcune obiezioni o distinguo, ma credo che Leonardo abbia centrato perfettamente il punto.

    C'è molto di generazionale, e la piramide demografica probabilmente è determinante.. anche in questo.

    Forse c'entra anche il fatto che la generazione che ha coniato il termine è quella che ha l'adolescenza e giovinezza più prolungate della storia umana, con -per ragioni economiche e culturali ben note- le responsabilità, il lavoro, il mutuo, i figli che arrivano sempre più tardi.

    Probabilmente questo, con il carico di incertezza che si porta dietro, c'entra col successo dello sbeffeggiare (sostanzialmente) i più piccoli.

    Piccola rivincita, modo per marcare una distanza.. Sui tanti come e perché forse qualcuno più bravo potrà portare elementi d'analisi


    Per inciso, pur non condividendone l'ottimismo, il libro "Grown up digital" mi ha dato altri punti di vista sulle novità nel conflitto generazionale e soprattutto sul'abisso di incomprensione che attanaglia i più anziani

    RispondiElimina
  18. Uhm però non sono daccordo sul fatto che sono "ignorati" dalla tv e non coccolati. Sono sempre coccolati, perchè si sa che quella fascia di età è un target mooolto ambito, però solo con cose sempre più stupide e arraffazzonate, ma scientificamente studiate per essere così, tanto hanno capito che a quell'età non ti soffermi tanto su come e perchè è fatto un prodotto. Non so se sono riuscita a spiegare bene il mio pensiero.
    Ah,ma i braccialetti di semplice plastica sono sempre esistiti, all'inizio degli anni novanta c'erano quelli a cerchio di gomma di tutti i colori (se sapessi come inserirne una foto lo farei).

    RispondiElimina
  19. "Quello che magari non vi era ancora venuto in mente (anche io ci ho messo un po' a capirlo) è il modo in cui il neologismo 'bimbominkia' fotografa il collasso della piramide delle età in Italia. Eh? Daccapo."
    Sei un genio! Ti ho mai detto che sei un genio? Sei un genio!

    RispondiElimina
  20. Poi ci sono anche i papiminkia (adoratori acritici di berlusconi). Copyright Lameduck, mi pare.

    RispondiElimina
  21. salve,
    volevo farvi complimenti per il blog
    veramente molto bello
    continuate cosi!

    RispondiElimina
  22. In questo paese la fascia più larga della popolazione (i 35-39) è quella che si faceva applicare le toppe della naj oleari sui jeans di armani tagliati alla caviglia, si massacrava la pancia con le fibbie del Charro e aspettava mesi l'uscita di un disco che costava un mucchio di soldi (e così si rimandava l'acquisto delle calze burlington). Ora questi fanno due click, surfano su una long tail, sentono i Doors e ci chiedono se li conosciamo e possono pure leggere gratis le nostre battute sui blog. Grrrrr Devono subire!

    RispondiElimina
  23. Per quanto tu tenga famiglia la pubblicità di Famiglia Cristiana e della Bibbia mi sembra piuttosto fuori luogo.
    Francesca

    RispondiElimina
  24. Update :la parola di verifica per inviare il commento era "cristr"... ;)
    Francesca

    RispondiElimina
  25. Ciao
    post molto divertente.
    Ha ragione il primo commentatore, Andre: "Il termine bimbominchia è nato sui forum, e l'età media è intorno ai 20 anni, non 30." In effetti per un trentenne non ha senso prendere in giro gli adolescenti. Non sono suoi diretti concorrenti, non frequentano gli stessi giri... A me, che di anni ne ho quasi quaranta, questi ragazzini fanno tenerezza, anche se ascoltano i Tokio Hotel (Potrebbero essere miei figli).
    Al massimo mi possono infastidire i trentenni indie con la maglietta a righe e l'occhiale quadrato, che ascoltano i gruppi di Pitchfork e vanno al MIAMI e hanno un blog di tendenza. Ecco: quelli sono infestanti come la gramigna e devono morire di una morte lenta e dolorosa (si fa per dire, eh...!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono la tizia di prima che ti ha risposto, ho fatto alcuni errori di battitura. Ma non so se il mio messaggio è stato pubblicato.

      Elimina
  26. @Tom
    Deridere i trentenni conformisti/alternativi è dovere di ogni patriota

    RispondiElimina
  27. Rispondo al perché. Se vuoi fare l'ecumenico e affermare che ogni voce vada ascoltata per la pluralità delle opinioni liberissimo di farlo. Ma quando giornali come quelli veicolano direttamente o indirettamente opinioni conservatrici e reazionarie che qui diventano oggetto di aspra critica, far loro pubblicità la trovo una contraddizione.
    Francesca

    RispondiElimina
  28. E' la contraddizione che trovi in ogni sito che ospita della pubblicità: di solito non c'è un filtro 'ideologico'.

    Ovviamente non sono io che scelgo la pubblicità che appare. Me ne sono capitate di tutte, da Scientology a Visitate Israele.

    Con Famiglia Cristiana mi sento meno a disagio, considerato che è una delle pubblicazioni cattoliche più progressiste (meno allineate a Dio-Patria-Berlusconi, diciamo), e il mondo cattolico è comunque quello da cui provengo. E da bambino leggevo il Giornalino.

    Poi, neanche a farlo apposta, il pezzo di domani è sulla Bibbia.

    RispondiElimina
  29. Tom.
    Infatti. E sarebbe ora di cominciare a deridere pure gli indieminkia. Anche se trovo più sensato chiamarli indiekazzo, chè quando scrivono le parolacce sul web si sentono grandi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Tom
      Ma perché? Che ti hanno fatto i trentenni alternativi? Io sono un'adolescente e non mi danno fastidio,(anche se mi danno un po' l'idea di adolescente di tanti anni fa non cresciuto? però i bimbiminkia/bimbiminchia che infestano forum, e altro con i loro commenti deliranti mi stanno proprio sulle scatole.

      Elimina
  30. Sarà pure che ai bimbiminchia stanno rifilando gli anni '80 riciclati, però che io sappia in tv ci stanno ancora Baudo Carrà e Costanzo. Ormai son quasi quarant'anni. Dal 1983 il campione di incassi è un natale a qualcosa uguale a quello dell'anno prima, anzi, ora ne fanno 2/3 l'anno. Ai ragazzini daranno pure i tokyo hotel, ma alle casalinghe danno sitcom tedesche di sette anni fa.
    Il pastone qui lo rifilano a tutti.

    Se invece che generazionale la questione fosse economica? Perchè i ragazzini degli anni '60-'70-'80 erano davvero diversi dai genitori: tanto per dire studiavano invece di lavorare, e molti erano cresciuti in una città diversa rispetto ai genitori.
    Se fosse invece che l'economia e la società italiane sono colte da stagnazione ormai ventennale?

    RispondiElimina
  31. @Leonardo: la tesi che sostieni e' molto interessante. Aggiungo solo che secondo me l'aggressione ai bimbiminkia e' anche dovuta all'invidia latente che la generazione di vetero-adolescenti prova nei confronti dei attuali sottoventenni. Invidia? Si',di un paio di cose almeno: eta', ingenuita', consapevolezza a livello subcognitivo della propria inadeguatezza nei confronti della vita.

    Poi si puo' si' essere bimbiminkia a qualunque eta', ma quelle sono le eccezioni, non la regola. E anche per le eccezioni parlerei semplicemente di ignoranza crassa, piu' che di minkiaggine.

    RispondiElimina
  32. A mio parere il nocciolo della questione non è il rovesciarsi della piramide delle età, ma il protrarsi indefinito dell'adolescenza.
    In Italia proliferano trentenni, quarantenni e talora cinquantenni assimilabili per gusto e costumi agli adolescenti di quarant'anni fa.
    Bimbominkia mi sembra insomma una forma di sfottò tra adolescenti e preadolescenti.
    Zbo

    RispondiElimina
  33. Caro Leonardo, devo ringraziarti e farti i complimenti. Leggo blogs da un po' ma davvero il tuo è fantastico. Lo conosco da poco, anzi da pochissimo ma lo trovo davvero spassoso e intelligente.

    Un tuo nuovo lettore

    RispondiElimina
  34. Il professore esimio Vincenzo Puzza, qualora avesse un figlio o puranchesso un parente alla lontana che si fregiasse dell'appellativo del bimbo minchia, lo canzonerebbe financo con sonore pernacchie.

    RispondiElimina
  35. ... come vorrei essere un BIMBOMINKIA!!!
    lol
    alla faccia dei 40/50 enni!

    RispondiElimina
  36. è vero i bombominkia riescono sempre a rompere i cabasisi praticamente in ogni occasione...ma san valentino è decisamente la loro festa!!!

    Ad ogni modo complimenti per il blog che non conoscevo e al quale sono arrivato tramite blogbabel...

    Spero avrai modo di ricambiare, se vuoi la cortesia della visita sul nostro blog. Qui, ad esempio, parliamo di San Valentino!

    Un saluto dalla redazione di Vongole & Merluzzi:

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/14/post-di-una-squillo-per-bene/

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello. Di solito però ci metto molte ore. Se il tuo commento non viene pubblicato subito, è colpa dell'antispam che ha dei criteri tutti suoi. Non ti preoccupare, magari scrivimi un messaggio più breve, appena posso recupero tutto.