venerdì 14 agosto 2015

Non è poi lontana Copernico

A un certo punto sulla Terra si è fatto caldino e dovevamo assolutamente inventarci qualcosa, ad esempio inviare qualche migliaio di persone all'interno di enormi stazioni spaziali in direzione degli esoplaneti più vicini. Le stazioni, in teoria, sono autosufficienti - possono immagazzinare l'energia dei raggi cosmici e usare i propri rifiuti per concimare i campi dove coltivare frutta geneticamente modificata da usare come combustibile - ma abbastanza lente, per cui non si prevede che arrivino al pianeta Copernico 456b che in ventimila anni. Un periodo di tempo in cui qualsiasi cosa può andare storta.

In particolare gli antropologi ci hanno fatto presente che nessuna civiltà è esistita tanto a lungo, e in condizioni così particolari (chiusa in un proiettile sparato nel vuoto assoluto). Anche ammesso che per tutto il tempo continuino a credere alla stessa storia, è molto probabile che quando arriveranno avranno troppa paura per uscire dalla stazione e terraformare il pianeta. D'altro canto, sempre meglio che morire di caldo quaggiù...

(Questo pezzo partecipa alla Grande Gara degli Spunti! Se vuoi provare a capirci qualcosa, leggi qui. Puoi anche controllare il tabellone).

E poi ci sono le vasche criogeniche. Bruciano troppa energia perché si possa addormentare un intero equipaggio - però si può raffreddare un uomo solo e svegliarlo ogni tanto perché dia istruzioni alla comunità. Quando parte, il professor Salem ha quarant'anni. È sociologo, economista e storico, ed è stato opportunamente addestrato per vivere il resto della sua esistenza svegliandosi ogni settimana in un secolo diverso. Ma tra il dire e il fare c'è di mezzo lo spazio profondo.

La settimana seguente sono già passati cent'anni. La comunità della stazione spaziale si è rigidamente compartimentata in caste - Agricoltori, Macchinisti, Burocrati, e gli intoccabili che puliscono i bagni e trattano il concime. Il consiglio degli anziani ha proibito i matrimoni misti. Era una evoluzione prevedibile e per il momento Salem non crede necessario ostacolarla, dal momento che si tratta di una delle forme di società più conservative possibili, e di conservazione c'è un gran bisogno - tanto più che l'endogamia si può correggere con prelievi periodici dalla banca del seme.

La settimana dopo fervono i preparativi per incrociare una cometa - c'è ormai una disperata necessità di metalli e h20 (il ciclo dell'acqua della stazione non è perfetto al 100%). Al suo risveglio Salem è festeggiato come il simbolo vivente dello status quo e della società castale. La cosa lo spaventa un po', soprattutto quando gli spiegano che ogni 18,5 anni circa scoppia una rivolta degli intoccabili. Costoro dubitano dell'esistenza di Copernico, ma anche della Terra: il loro obiettivo è costruire una società egalitaria all'interno della stazione. Salem si rende conto che se gli intoccabili dovessero prendere il controllo della stazione anche per breve tempo, gli staccherebbero la spina. Dà dunque disposizioni per il superamento della società castale: spiega agli Anziani, attoniti, che non è necessario che gli intoccabili diventano uguali agli altri, ma è importante che possano sognare di diventarlo: basta l'esempio di uno o due individui che hanno successo e salgono un gradino sociale, per disincentivare ogni proposito rivoltoso. Invece di fare la guerra agli altri, la faranno tra loro per primeggiare, e tra un secolo poi si vedrà. Buonanotte.

La settimana dopo tira una brutta aria. L'attracco alla cometa non è andato come previsto, e la scarsità di metalli ha costretto gli Anziani a dimezzare la Stazione (era una procedura prevista). La popolazione è calata del 50%, metà dei reattori sono stati fusi per ottenerne pezzi di ricambio per gli altri reattori. "E le rivolte?" "Quasi sparite. Tanto che abbiamo dovuto promuoverne". "Che cosa?" "Sì, dovevamo uccidere qualcuno, e siccome gli intoccabili esitavano a rivoltarsi, li abbiamo provocati. È successo 23 anni fa, e calcoliamo che debba risuccedere tra cinque... ci stiamo già preparando". "Non c'è nessuna cometa all'orizzonte?" "Nessuna, ma quando si sveglierà la prossima volta sarà già nel sistema Centauri. Dovrebbe assistere a un boom". "Speriamo bene".

Infatti la settimana dopo si sveglia a una festa. È il culmine di una settimana di celebrazioni. La stazione spaziale ha raggiunto il sistema di Alpha Centauri, riempiendo le stive di metalli, acqua, silicio, e ogni altro materiale prezioso. La popolazione è tornata al livello massimo consentito. C'è un ottimismo tangibile nell'aria (molto meglio ossigenata). Gli intoccabili non sono più tali; anche se restano sul fondo della società, molti di loro riescono ad avere carriere di successo e a diventare celebrità. Qualcuno ha proposto di restare nel sistema Centauri per sempre; è una proposta che Salem sa di dover respingere: le tecnologie a bordo della stazione non consentono di estrarre risorse in grado di far funzionare la stazione per più di qualche migliaio di anni. Per i rappresentanti della Stazione - quasi tutti quarantenni, o anche più giovani - non è un grosso problema. Per Salem sì.

La settimana successiva, infatti, la stazione non è ancora uscita dal sistema. C'è stato anche un tentativo - fallito - di colonizzare un pianetino. La popolazione della stazione è divisa in due fedi trasversali: chi vuole proseguire sulla rotta per Copernico, e chi vuole restare lì. C'è anche chi propone di tornare sulla Terra - non si riescono più a captare segnali, ma chissà, magari ora il problema del calore è stato risolto. Salem non ha molte scelte: se la stazione smette di puntare verso Copernico, lui rischia di diventare una curiosità, una mascotte, un corpo inanimato che in caso di carestia si può anche sacrificare; è il momento di attivare il protocollo 12. Per sterminare la fazione centaurista, Salem dona ai copernichisti la formula, nota a lui solo, con la quale si può distillare dalla frutta un'arma batteriologica. Poi si riaddormenta.

La settimana successiva Alpha Centauri è già lontana, una stella tra tante. Tra i lineamenti che è ormai abituato a riconoscere pur tra cento variazioni, non trova più quelli di una donna di cui si era innamorato due settimane prima: la sua famiglia è stata completamente sterminata durante i pogrom dei centauristi. La società si sta riorganizzando in caste, ma c'è una novità curiosa: nell'archivio della stazione qualcuno ha trovato il file di In tredici verso Centauro di Ballard e lo ha trasformato nel testo sacro di una nuova religione. I ballardisti credono che la stazione spaziale non stia viaggiando nello spazio, ma sia un'enorme simulazione, un esperimento custodito in un hangar sotterraneo nella Terra. Le stelle non sono che lampadine, e il prof. Salem tra un ciclo di veglia e l'altro andrebbe a riferire ai suoi superiori in un ufficio in superficie. Smetto qua sennò lo scrivo tutto stanotte. Continuerò se voterete per Non è poi lontana Copernico, che oggi se la gioca contro l'Universo PerpendicolarePotete cliccare, indovinate, sul tasto Mi Piace di Facebook, o linkare questo post su Twitter, o scrivere nei commenti che questo pezzo vi è piaciuto. Grazie per la collaborazione, e arrivederci al prossimo spunto.

40 commenti:

  1. L'altro poteva essere interessante ma un po' confuso, almeno per me. Questo mi sembra molto più promettente!

    RispondiElimina
  2. Mi ricorda il film Brigadoon, al contrario, con dietro una motivazione razionale. Voto questo anche perché non riesco a capire lo sviluppo dell'altro, anzi veramente non c'ho capito molto sotto tutti i punti di vista

    RispondiElimina
  3. Andata, anche se con questo riassunto ci hai bruciato mezzo romanzo

    RispondiElimina
  4. Ho letto sia l' "Universo perpendicolare" che "Non è poi così lontana Copernico" ed il mio voto va convintamente a Copernico.

    RispondiElimina
  5. Due begli spunti di fantascienza interessanti. Mi piacerebbe leggerli entrambi sinceramente. L'altro mi pare più originale, questo forse più promettente sul piano narrativo. Lotta dura.

    RispondiElimina
  6. Mi piace decisamente questo. Il primo e` interessante, ma puo` funzionare come racconto breve, non come romanzo.

    Questo invece si`. Funziona bene anche come romanzo a puntate, con ogni giornata come capitolo piu` o mento autoconclusivo.

    RispondiElimina
  7. Meglio l'altro. Racconti di questo tipo gli ho già letti

    RispondiElimina
  8. Voto questo senza troppa convinzione.
    Mi pare un buono spunto ma non sono sicuro che mi piaccia molto il modo in cui sembrerebbe che tu voglia svolgerlo. In effetti questo spunto non mi sembra molto meno “confuso” dell'altro, ma mentre l'altro è ossessivo nella sua monotematicità in questo sembrerebbe esserci molta (troppa?) carne al fuoco.
    Dell'Universo perpendicolare (bel titolo) mi piacerebbe leggere un racconto.

    RispondiElimina
  9. voto questo, solo (ti prego) non farlo assomigliare a wall-e
    anche questo può diventare una tetralogia, che bello potrò dire di aver conosciuto uno scrittore milionario (in copie vendute) e quando muori riciclo il tuo post su faletti
    valà, scherzo
    questo offre un sacco di spunti... ma quando un racconto passerà il turno che farai?
    ripubblichi il post aggiungendo qualcosa?
    fai come gordon ramsey e chiedi al racconto: perché dovresti rimanere in gara?

    RispondiElimina
  10. Mi piace tanto! Soprattutto con l'evoluzione cinica del sociologo ! Sul l'idea ci hanno fatto anche una serie "Ascension" che però hanno stroncato, ma tu te la sei giocata meglio!
    L'universo perpendicolare è un po troppo complicato

    RispondiElimina
  11. Voto questo, ma la lista dei romanzi o dei racconti da scrivere subito dopo il primo si sta davvero allungando

    RispondiElimina
  12. Molto interessante e si vede che ti esalta scriverlo. Tra una dormita e l'altra sai quanti personaggi interessanti che incontra il nostro professor Salem!
    Voto questo con convinzione.

    RispondiElimina
  13. Ma questo e' bellissimo! Spero proprio che tu lo scriva!

    RispondiElimina
  14. Ma questo e' bellissimo! Spero proprio che tu lo scriva!

    RispondiElimina
  15. ...preferisco questo spunto, l'altro mi sembra un bell'esercizio, in questo ti puoi sbizzarrire con le invenzioni e i rivolgimenti più inaspettati... e volendo farlo scivolare nel nero più nero...

    RispondiElimina
  16. Voto questo! Ed è uno di quelli per cui farò il tifo in vista delle finali.

    P.S. Siccome ce n'è più d'uno che secondo me meriterebbe, e poiché la maggior parte mi sembrano più da "racconto lungo" che da romanzo, perché, invece di un romanzo, non scrivere una raccolta di 4 racconti lunghi (del tipo, ad esempio, di "Stagioni diverse" di Stephen King)?

    RispondiElimina
  17. voto questo, ma prima di continuare confronta con Fondazione di Asimov

    RispondiElimina
  18. Mio figlio Alle questi due li vuole votare entrambi

    RispondiElimina
  19. Meglio questo. Ma non avevi già scritto qualcosa di simile?

    RispondiElimina
  20. Sperando che elaborino modelli sociali più stupefacenti per l'uomo questo, certamente molto meglio della fiera dell'esterno

    RispondiElimina
  21. Voto questo ma quoto un commento precedente: Salem che si risveglia ogni tot sembra Hari Seldon che appare nella volta del tempo alla prima fondazione ogni volta che c'è una crisi seldon.

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).