giovedì 19 gennaio 2006

- schietta autocritica

Ho creato un mostro

È interessante tornare indietro e rifare tutti i passaggi, e scoprire che il delitto è stato commesso con le migliori intenzioni. Come sempre.

La domenica sera è il momento più deprimente della settimana. La sera di domenica nove aprile, Astolfo Pigna, classe '58, nato e vivente a Belfosdignano (QL) operaio specializzato (ramo termoriduttori), juventino, capricorno, dà un'occhiata al suo destino dal divano del soggiorno. Il destino gli si delinea nel blu elettrico della grafica del televideo. Dalla cucina un vago rumore di lavastoviglie all'opera.
"E allora ci vai?" dice la moglie.
"Adesso ci vado".

Io pensavo di fare cosa buona e giusta, tornando al blog politico. Con la fantascienza, lo sapete, c'erano stati dei problemi, e tutti a dirmi: "dai, torna a fare il blog politico". Per giunta era l'anno delle elezioni, come facevo a sottrarmi. Era un modo di impegnarsi. O di dimostrare a me stesso che m'impegnavo. Che poi è la stessa cosa.

"Se non ci vai dimmelo subito, ché metto la pizza in forno".
"Ti ho detto che ci vado, ci vado".
"Me l'hai detto mezz'ora fa. Cos'è che guardi? Il televideo?"
Astolfo si vergogna ad ammettere di essere indeciso, ma le cose stanno così.
Ultimo di quattro fratelli, non si è trovato nella condizione di prendere una decisione autonoma fino a 22 anni, quando in un cinema sfiorò la mano della sua futura moglie (il film era Laguna Blu). Da quello contatto in poi fu lei a prendere saldamente il timone che era appena stato lasciato incustodito da madre padre e fratelli maggiori. Lei a stendere il curriculum vitae del perito tecnico industriale e spedirlo alla Bianchi Termoriduttori Srl. Lei a indicare l'anellino che Astolfo non riusciva proprio a scegliere da solo. In sostanza, lei stasera dovrebbe dirgli se andare a votare o no, ma non lo fa.
È il suo modo di farlo impazzire.

Mi sono accorto quasi subito che le cose stavano prendendo una piega curiosa.Mi misi a parlar male dei Diesse. Non era la prima volta. Erano anni che parlavo male dei Diesse, ormai avevo sviluppato dei veri e propri cavalli di battaglia.
Nel frattempo Berlusconi imperversava in tv e in radio, accusando gli avversari politici di qualunque cosa gli venisse in mente (scemenze, di solito). Ma io B. non lo reggevo più, da anni ormai.
È vero che nei primi anni era stata una specie di ossessione. Le sue cafonerie. Le sue gaffes. Quella volta che chiamò Kapò un europarlamentare tedesco. E gli antifascisti in vacanza a Ventotene. Sì, a quel tempo Berlusconi era almeno divertente. Ma nel 2006, io avevo smesso di divertirmi da un pezzo
.

Tradito dalla sua Grande Timoniera, Astolfo cerca conforto nell'unica altra cosa al mondo in cui abbia un po' fiducia: la doxa.
Se proprio deve credere a qualcosa, Astolfo crede nella Maggioranza. Sin da quando era il cucciolo di casa, egli è stato educato al rispetto per le opinioni più diffuse. Schierarsi con una maggioranza è sempre la cosa più saggia: intanto perché la maggioranza ha quasi sempre ragione, o comunque ha i mezzi per ottenerla: e anche quando non la ottiene, il torto va diviso con un maggior numero di persone. Aver torto in maggioranza è un mezzo gaudio.
Questa filosofia di vita ha portato Astolfo Pigna dov'è adesso: sul divano di casa sua, inebettito, davanti agli istogrammi del televideo, che indicano che l'affluenza è… normale. Se almeno ci fosse stato un record dell'astensione, pensa Astolfo. Mi sarei astenuto anch'io e buonanotte. Invece devo andare.
"E allora?"
"Vado, vado".

È difficile spiegare quello che è successo. È stata come una cateratta. A un certo punto il grigio ha prevalso: ho chiuso gli occhi e ho iniziato a pensare ad altro. Il biennio 2004-5 potrei descriverlo così. Oppure potrei dire che ho sentito il richiamo del privato: la famiglia, il lavoro, l'appartamento in affitto… insomma, Berlusconi è uscito dalla mia vita. Non era più divertente, era solo spiacevole rumore di fondo. Come i jingle pubblicitari delle telefonie, li ascolti due secondi e cambi canale.

Naturalmente questo non impediva a Berlusconi di rimanere lì dov'era, di farsi ancora approvare leggi ad hoc; di tagliare fondi alla mia regione e al mio ministero; di mandare truppe in Iraq; in sostanza, nulla gli impediva di farmi del male. Questo era inteso. Ma io ero mi ero stancato di parlarne, ne parlavano tutti! Basta! Quando mise la bandana, io non ci trovai niente di divertente. Quando il governo cadde e si rialzò, io non stetti in apprensione neanche per un attimo. E quando infine fu il 2006, e lui riapparve sui muri e su tutti i canali, io non avevo più niente da dire. Preferivo parlar male dei DS.

Mi sentivo più originale. I DS non mi avevano fatto un'oncia del male che mi aveva fatto Berlusconi; e tuttavia il loro modo di fare sinistra mi offendeva. Mi urtava quel loro oscillare tra machiavellismo e ingenuità, senza fermare mai per una volta la lancetta sul materialismo storico… voglio dire, un grande partito dei lavoratori che si trasforma nel "partito della gente perbene"? Ma scherziamo? Il "perbenismo" è una sovra-sovrastruttura borghese! I lavoratori non sono perbene, i lavoratori lottano per impossessarsi dei mezzi di produzione e non fanno sconti a nessuno! Sono la forza motrice della storia, non sono delle nonnine bianche che prendono il te' e i pasticcini! La definizione di "Partito Perbene" era un'offesa alla mia cultura. E al mio senso estetico.
Dovevo vendicarmi.


Astolfo, non crediate, si vergogna di essere così. Ma non ci può fare niente.
Quel che vorrebbe sapere, dal televideo, è: chi ha vinto le elezioni? Alle ultime regionali Astolfo ha votato Forza Italia. Pensava che avrebbe vinto. E ha perso. I tre comunistoni del reparto lo hanno sfottuto in mensa per tre mesi. Questo Astolfo non lo sopporta.
Il momento più grigio della sua intera esistenza fu il quinquennio seguente alla gestione Boniperti, quando la Juventus non vinse più nulla. Lui apposta si era scelto la squadra più tifata e più vincente d'Italia: e loro, vigliacchi, cambiavano Boniperti e Zoff con Montezemolo e Maifredi! Cinque anni d'inferno! Un inferno di milanisti ghignanti al bar, in mensa, in reparto… persino in casa gli era cresciuto un figlio milanista, persino in casa!
Astolfo ama il quieto vivere, e forse nella vita non ha mai sfottuto nessuno. Perché sa cosa si prova.
Gli piace Berlusconi; gli sembra un vincente. Ma di sicuro molte volte racconta delle palle. E chi non le racconta. Il più grande contapalle d'Italia, per fare un esempio, è Luciano Moggi. Ma sono palle a fin di bene (così ragiona Astolfo). In politica, come nel calcio, non conta la verità: conta vincere. Astolfo, fino a un paio d'anni fa, passava per berlusconiano di ferro. Faticosamente, negli ultimi venti mesi si è rifatto una reputazione di centrista indeciso. Ha fatto capire che Berlusconi lo aveva un po' deluso, che forse non lo avrebbe rivotato.
Sua moglie, invece, si è richiusa in un silenzio di sfinge.
"Il voto è segreto", ha detto, e non c'è stato modo di smuoverla. Astolfo ha il dubbio che sia passata ai comunisti.
Cosa che lui non farebbe mai, per principio. Sarebbe come passare dalla Juve al Milan. No. La squadra si critica, si boicotta, ma non si cambia.
O no?

Quel pezzo che ho scritto… era roba vecchia, d'archivio. In cinque anni mi ero fatto un bell'archivio, anche sulle stronzate dei DS. E insomma, i fatti erano inoppugnabili: la fondazione di D'Alema prendeva soldi da multinazionali pluri-inquisite. Soldi puliti, per carità. Ma era un dato che faceva a pugni con la nozione di "Partito perbene". Volevo far risaltare la dabbenaggine dietro al perbenismo.
Ma non volevo convincere la gente a votare Berlusconi! Questo mai! Io mi ero messo a scrivere per l'esatto contrario!

Sono le 19.50 di Domenica 9 aprile, e Astolfo Pigna è indeciso. Si tratta di votare Berlusconi o no.
Negli ultimi tempi sembra ringiovanito! È tornato in tv, sui muri, ovunque. Ha l'aria di uno che non può perdere. Certo, forse è solo scena. Ma pensa se vincesse! Cinque anni di gloria.
Il guaio (pensa Astolfo) è che domani saranno molto più veloci gli amici e i colleghi a chiedermi se l'ho votato, che gli istituti di statistica a dare le proiezioni. E comunque le proiezioni sbagliano una volta su due, peggio che Maurizio Mosca col pendolino, a momenti. Insomma (pensa Astolfo) non ci sono Santi. Devo scegliere da solo.
Per la seconda volta nella mia vita.
Driiin!

Mi scrissero quelli di Libero Blog, che il pezzo gli era piaciuto e lo avevano ripubblicato. Niente di che, era già successo quando scrivevo fantascienza, e nessuno ci aveva fatto caso. Prego, dissi, fate pure.
Lo tennero in home per un giorno. Ottenne più di 400 commenti. Una cifra che il mio cervello fa fatica a comprendere.
Quattrocento persone che avevano letto un mio post. 400 persone che avevano perso tempo a commentare.
E il più delle volte ringraziavano per aver finalmente fatto luce sull'immondo segreto dei Ds, questo partito di ladri, terroristi, infoibatori, persecutori dei poveri reduci della Repubblica Sociale, ecc., ecc., ecc., ecc..
Mi dissi: è normale. Un mio post, estrapolato dal contesto, scatena una tipicissima dinamica da forum. Tutto già visto. Niente di nuovo.


Driiin!
È Rinaldo, il fratello di Astolfo, che chiede in prestito la falciatrice per domani. Non ce l'ho io, dice Astolfo, ce l'ha nostro padre, devi chiederla a lui. Ah, dice Rinaldo.
E poi gli chiede: Hai votato?
Ahi ahi ahi, pensa Astolfo.
Da una parte è contento che il fratellone ultraforzista gli stia dando un consiglio, come ai vecchi tempi. È una cosa che gli fa piacere, istintivamente. Si vergogna ad ammetterlo, ma è così.
Dall'altra Astolfo non può fare a meno di pensare che i forzisti sono proprio messi male, se devono mettersi a telefonare in casa ai parenti domenica 9 aprile alle otto di sera. È così? Rinaldo sa qualcosa che io non so? In campana.
"Beh? Hai votato o no?"
"Non ancora, no. Non so se ci vado".
"Ma solo che non scherzi. Hai dei dubbi?"
"Beh, dei dubbi… diciamo che quel Berlusconi è…"
"È?"

Dinanzi ad Astolfo si spalanca l'abisso. Deve dare un giudizio. Da solo. Davanti al fratellone. E non c'è tempo. Dio mio.


"È un po' un contaballe, dai".
"Beh, su questo…"

(L'abisso! Astolfo precipita!)

"…c'hai anche ragione…"

(Ma il paracadute si apre, tempestivo, a cento metri dal suolo).

"…ma sono tutti dei contaballe, sai, è il loro mestiere. Almeno lui non ci ruba".
"Come fai a dire che non ci ruba, Rinaldo".
"Lui è già ricco di suo. Ma quegli altri… gente che non ha mai lavorato in vita sua… loro sono falsi e ladri, per di più".
"Sì, ma…"
"Prendi D'Alema. Quello che è andato in direzione del suo partito a dire: Siamo gente perbene!. Lo sai chi glielo paga il leasing della barca, a D'Alema?"
"…"
"Quelli della G****, lo sapevi? Ti ricordi della G****? Quella compagnia farmaceutica che corrompeva i medici e metteva in commercio valvole difettose. Lo finanziano loro, D'Alema".
"Ah sì? Questa non la sapevo".
"Ma è da un po' di mesi che è in giro – naturalmente i giornali non dicono niente. L'ho letta su Internet".
"Ah, beh, sai, internet".
"Internet è il futuro, altroché! Impresa, Inglese, Internet! Allora, ci vai a votare o no".
"Ci vado, ci vado".
"O, meno male".
"Ma dici che vinciamo?"
"Certo che vinciamo. Ti sembra che possa perdere, uno come lui?"

Col senno del poi, credo di essermi sbagliato. Non esiste il concetto di "estrapolato dal contesto", su Internet.
Internet è un libro dai mille fogli aperti – il contesto non esiste. Scrivere un pezzo anti-DS in campagna elettorale significa fornire un'arma in più a Berlusconi. Un'arma minuscola, certo. Ma un'elezione si vince anche con milioni di queste armi minuscole. E io ne ho messa in giro una.


Le elezioni politiche del 9 aprile 2006 videro l'ennesima affermazione del centrodestra – anche se stavolta il margine di vantaggio sul centrosinistra fu microscopico. L'ago della bilancia fu il distretto elettorale di Belfosdignano (QL), che rimase incerto fino all'ultimo. Si dice (ma forse è una leggenda) che Berlusconi abbia distanziato Prodi per un voto solo.

18 commenti:

  1. che dire leona'... mi hai fatto paura... immagino come ti puoi sentire, ma animo!

    mordecay

    RispondiElimina
  2. certo poi che a leggere quei 400 commenti cadono le braccia
    a volte mi chiedo cosa abbia io in comune con certa gente e quanto abbiano senso quelle parole: "ciò che ci unisce e molto più di ciò che ci divide".

    m.

    RispondiElimina
  3. Be' adesso puoi fare un post "pasticcioni dell'umanità, 3".


    Maddai, se vincera' ancora sara' per ben altro.
    Tipo il suo monopolio dell'informazione.

    RispondiElimina
  4. e quindi? qual è la linea da seguire in campagna elettorale (ma poi, cosa vuol dire piú "campagna elettorale")?

    taci, il nemico ti ascolta?
    credere obbedire combattere?

    RispondiElimina
  5. sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop, sei entrato nel loop

    RispondiElimina
  6. Leonà, sono quasi due anni che ti leggo (e si, mi sono sorbito tutto il fogliettone, malgrado tutto ... alla fine volevo vedere dove volevi andare a parare ... perchè si capiva che era un modo come un altro per parlare di politica ...) e ho sempre adorato il tuo dar un colpo al cerchio e non risparmiarlo (quando ti andava) anche alla botte.

    Anche questa volta ci sta. In un mondo ideale, il tuo post sarebbe perfetto. Perchè l'uomo perfetto che lo leggerebbe capirebbe che è lo sfogo di uno che è stufo marcio di corruzione, pasticci e poca chiarezza e vorrebbe che tutto fosse molto più semplice, lineare, anche integerrimo. Come, forse, era una volta. E come, purtroppo, non lo è stato nè lo sarà mai.

    Fottitene dei commenti : non sarà il tuo post l'arma in più del "grande raccontastorie". Vedrai che ce la si fa lo stesso :)
    Saluti
    Ehol

    RispondiElimina
  7. allora, io mi ero letto il tuo post qui sul tuo blog e mi sembravo una dovuta tirata d'orecchie a chi stavo cercando di prenderci per il culo con la storia del partito per bene..
    lo trovo su libero e per curiosità (non ho un cazzo da fare) mi metto a leggere un bel pò di commenti e non riuscivo a capacitarmi di come la gente fosse tanto stupida..forzaitalioti festanti, moralisti diessini arrabbiati...ma si può non riuscire ad andare oltre facili categorizzazioni? no pare di no, almeno per la maggioranza internettiana ( che poi è una minoranza culturalmente, in teoria, più evoluta, quindi siamo veramente messi bene)
    A questo punto, citando moretti, ce lo meritiamo alberto sordi ce lo meritiamo..(emmh..è morto, si, ma ce ne sono altri..)
    E poi tu infondo mica hai detto che con questa classe dirigente non vinceremo mai, hai fatto solo una critica anche divertente, ma io in giro di girotondi non ne vedo..
    beh voleva essere un commento di solidarietà, ciao
    www.dottorpanunzio.splinder.com

    RispondiElimina
  8. D'Alema e Rutelli sono quelli che nel 2001 hanno consegnato la maggioranza a Berlusconi. E ce la stanno mettendo tutta anche stavolta. Se tutto va bene siamo rovinati. Moreno

    RispondiElimina
  9. a parte il fatto che non ne sapevo nulla, del caos su libero.
    Ma perché non mi tenete informato?
    E poi, a questo punto non resta che fare quello che qualunque persone per bene farebbe: cavalcare l'onda.
    Diamine, hai 400 potenziali elettori, financo un po' ottenebrati (la miglior tipologia) disposti a darti fiducia.
    Ora, non stiamo a sottilizzare sul come e il perché.
    Alla tua età Berlusconi mica ce li aveva, 400 voti sicuri in saccoccia.

    RispondiElimina
  10. chiarisco, qualora fossi stato frainteso, che sono d'accordo con ehol, qui sopra...
    credo che la differenza tra "noi" e "loro" debba essere anche questa: quando vediamo qualcosa che non ci piace, denunciarla, incazzarci. non stare in silenzio e annuire. non è certo colpa dell'elettore di sinistra se (e dico se)succede qualcosa di marcio. è colpa del politico che (e se) "marcisce".
    io voglio votare per un uomo, per un partito che non lasci scampo a quell'odiosissimo "voi siete come noi" che si sente da destra. voglio onestà, voglio correttezza, voglio coerenza e rigore morale. voglio poi poter parlare quando di queste cose non si vede l'ombra, senza sentirmi dire "zitto compagno che non ti conviene, lo sai che se continui vince berlusconi?".

    RispondiElimina
  11. nn credo che a D'alema gli fai più male tu che lui da solo e poi mi sa che i ds è da un po' che dovrebbero rivedere i criteri della selezione del personale tra gli altri:
    http://www.ilcircolo.net/cgi-bin/movabletype/mt-tb.cgi/936

    (potrebbe sembrare "grillesco" ma nn lo voleva essere)

    RispondiElimina
  12. siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop, siete entrati nel loop,

    RispondiElimina
  13. ahem.
    io qui (http://www.ilcircolo.net/cgi-bin/movabletype/mt-tb.cgi/936 ) non vedo niente.

    RispondiElimina
  14. Tu continua così. Considera che c'è anche (tanta?) gente come me che probabilmente voterà ancora una volta questa pallida "unione" anche perché "dentro" ci sono persone come te. Se fossero tutti d'alema (e nessuno a criticarlo, non dico a fermarlo) non ci penserei nemmeno un secondo il 9 aprile a rimanermene a casa (o andare al mare, se è bel tempo)

    RispondiElimina
  15. cragno, tu hai sempre votato centrodestra. Senza accorgertene.

    RispondiElimina
  16. Ho capito che le reazioni ti hanno spaventato, comprensibile, però dire che i diesse non hanno fatto ad astolfo nemmeno un'oncia del male che gli ha fatto berlusconi mi pare oggettivamente eccessivo.

    Senza deresponsabilizzare gli italiani, in senso lato, sappiamo tutti (e due) che l'origine del disastro silviesco è la sua teorica controparte politica.

    Ds in prima fila.

    Io li voterò ugualmente, non i Ds, ma consapevole di fare male all'Italia poco meno di quanto farei standomene a casa.

    RispondiElimina
  17. lettura che consiglio: "La ragazza del secolo scorso" di Rossana Rossanda, Einaudi.

    PS: comuqnue siete entrati nel loop

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).